Matteo Salvini, retroscena dopo le accuse di Luigi Di Maio: “Come gli viene in mente?”. E telefona a Giorgetti

Loading...

“Cos’è questa roba? Ma ce l’ha con noi?”. È un Matteo Salvini “frastornato” quello descritto dal retroscena della Stampa sulla gravissima accusa lanciata da Luigi Di Maio a Porta a porta. “Testo manipolato inviato al Quirinale”, e “manine tecniche o politiche” che avrebbero modificato a sua insaputa il testo del condono contenuto nel decreto fiscale. Il sospetto del Movimento 5 Stelle grava sui tecnici del ministero del Tesoro, ma pure sugli alleati della Lega. Bruno Vespa, in studio, chiede esplicitamente a Di Maio se sta pensando a Giancarlo Giorgetti. “Non mi permetterei mai di indicare responsabili. Vedremo dopo la denuncia”.

Loading...

Una risposta clamorosa, che invece di placare gli animi offende ancora di più i leghisti. “Salvini chiama subito Giorgetti”, scrive la Stampa. Poi il leader del Carroccio si sfoga: “Ma come gli viene in mente di dire una cosa del genere in televisione? Ma poi… chi vorrebbe denunciare?”. Il quotidiano torinese parla poi di “risate che Salvini non riesce a trattenere”: “Ma come si fa a prendere sul serio una roba del genere? Sono accuse surreali e incredibili”. Alla fine, la nota ufficiale della Lega concordata da Salvini e Giorgetti è molto più dura: “Siamo gente seria e non sappiamo niente di decreti truccati…”. Ma “l’invenzione” di Di Maio non passerà senza lasciare segni, pesanti, sul governo.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.