Diciotti, i migranti accusano i maltesi: “Ci dissero di andare in Italia”

Loading...

Sul caso della nave Diciotti con a bordo 177 migranti salvati dalla Guardia Costiera in acque maltesi spunta un retroscena.

Di fatto in queste ore è scontro tra Roma e La Valetta per la responsabilità delle operazioni di salvataggio. Il governo ha chiesto l’intervento dell’Unione Europea per risolevere la faccenda e soprattutto per dare il via ad una nuova suddivisione dei migranti tra i vari stati membri “volenterosi” che potrebbero aprire le loro porte. E in questo quadro alcune testimonianze di 8 migranti sui 13 fatti sbarcare per ricevere cure urgenti mostrano come le cose siano andate in modo ben diverso rispetto a quanto raccontato da Malta. “Avete sbagliato rotta, la direzione per l’italia è un’altra”, avrebbero detto alcuni soccorritori maltesi ad alcuni migranti.

Loading...

La testimonianza è stata raccolta dagli investigatori. Secondo fonti investigative, gli otto avrebbero spiegato a Polizia e Guardia costiera di essere stati avvicinati, dopo circa un giorno e mezzo dalla partenza dalle coste libiche, “da un’imbarcazione di notevoli dimensioni e da due gommoni”. Secondo i testimoni, i soccorritori si sarebbero presentati come “maltesi“. Questi soccorritori, sempre secondo il racconto riportato dai migranti, avrebbero rifornito l’imbarcazione di viveri e giubbotti aggiungendo però che non sarebbero stati accompagnati a Malta perché “avevano sbagliato rotta”. In seguito, sempre l’equipaggio dei soccorritori avrebbe fatto capire ai migranti che sarebbero stati poi scortati fino a Lampedusa. In realtà, secondo quanto riferito dalla Guardia Costiera italiana, i maltesi dopo un primo contatto con l’imbarcazione l’avrebbero abbandonata lasciando la responsabilità delle operazioni di slavataggio proprio all’equipaggio italiano.

IL GIORNALE.IT

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.