Sicurezza, nuova stretta di Salvini: “Via lo status di rifugiato ai ‘profoghi’ scoperti a spacciare e a delinquere”

Loading...

“Via lo status di rifugiato ai profughi (finti) scoperti a spacciare e a delinquere”: il ministro Matteo Salvini si prepara a dare un’ulteriore stretta sul fronte sicurezza. ” Non dobbiamo concedere una seconda opportunità a chi delinque”.

Loading...
Il ministro degli Interni spiega quali saranno le prossime mosse del Viminale. Salvini commentando la notizia di alcuni richiedenti asilo arrestati per spaccio a Genova, ha voluto ricordare quali saranno le novità che intende inserire nel dl sicurezza. Tra i cambiamenti che verranno apportati dal Viminale, come aveva ricordato Il Giornale, c’è quello di revocare ildiritto di asilo agli immigrati che commettono reati.

Nel caso citato da Salvini, i pusher arrestati ha rifiutato uno scontro di pena. Il motivo? Come riporta il Secolo XIX, i 21 arrestati in caso di condanna perderebbero la possibilità di ottenere lo status di rifugiato. I legali dei pusher invece hanno motivato così il rifiuto di un iter più veloce nel processo che avrebbe certamente portato ad una pena più mite: “Non è palese che lo spaccio sia avvenuto in prossimità di luoghi di aggregazione giovanile e questo cambia nel conteggio della pena”, spiegano. La decisione ha però scatenato le protesta della Lega con l’assessore alla sicurezza di Genova, Stefano Grassino: “Chi è in attesa di ottenere lo status di rifugiato e commette un reato deve essere subito allontanato dal nostro paese. Non dobbiamo concedere una seconda opportunità a chi delinque”. Tesi questa rilanciata anche da Salvini: “Nel Decreto Sicurezza che ho in mente, un profugo che delinque, spaccia o stupra perde immediatamente il diritto allo status di rifugiato e sconta la pena come tutti gli altri, dopodiché in Italia non dovrà più mettere piede. Mi sembra buonsenso”.

Con fonte Il Giornale

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.