Padova, indagato il viceprefetto: favoriva appalti centri migranti

Avrebbe favorito una coop che si arricchiva con i migranti. Così è finito nei guai il viceprefetto di Padova, Pasquale Aversa, accusato di turbativa d’asta, corruzione, truffa e rivelazione di segreti d’ufficio.

Ma le accuse a suo carico sono solo la punta dell’iceberg di un vero e proprio business dei migranti che va avanti da quattro anni e che vede protagonista l’unica cooperativa ad avere in mano tutta la gestione dei profughi in Veneto: la Ecofficina Educational, passata nel giro di pochi mesi da un fatturato modesta a milioni di euro di entrate.

La cooperativa, che ora ha cambiato nome in Edeco, gestisce diversi centri di accoglienza (tutti rigorosamente riempiti fino all’orlo di immigrati).

A chiudere un occhio sulla quantità degli ospiti sarebbe stato proprio il vicario della Prefettura di Padova che, insieme all’ex funzionaria Tiziana Quintario, avrebbe così favorito il giro d’affari della Edeco.

A Padova, per esempio, Aversa avrebbe fatto risultare nell’ex caserma Prandina solo 40 migranti. In realtà, però, ce n’erano 77. E non è finita qui. Secondo gli inquirenti, infatti, il viceprefetto avrebbe anche informato la cooperativa delle ispezioni programmate nei vari centri di accoglienza.

Coinvolti nell’inchiesta risultano anche i responsabili della cooperativa milionaria: il presidente Gaetano Battocchio, la vice Sara Felpati e il gestore ufficiale dei centri Simone Borile.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.