Ai migranti non basta il digitale. E adesso pretendono pure Sky

Loading...

A quanto pare ai migranti non basta più il digitale terrestre. Né i canali della Rai o delle televisioni in chiaro soddisfano i loro appetiti televisivi.

Già, perché loro intendono guardare il campionato di calcio che si avvicina e per nulla al mondo perderebbero una partita. Quest’anno c’è pure Cristiano Ronaldo: imperdibile. E dunque che fanno? Vanno in questura a protestare contro la cooperativa che li ospita (a spese dei contribuenti) per avere Sky.

Secondo quanto scrive Il Giornale di Vicenza, lunedì pomeriggio un gruppetto di richiedenti asilo nigeriani (circa venti) ospiti del centro culturale San Paolo in via Carducci si sono presentati in questura pensando che il questore potesse soddisfare le loro richieste. I migranti hanno anche chiesto aria condizionata, carta di identità e si sono lamentati del cibo. Sentiti da un funzionario, alla fine sono tornati nel centro di accoglienza.

Loading...

Duro il commento della Lega. “I clandestini presunti profughi di Vicenza che protestano in Questura perché pretendono di avere SKY per vedere le partite di calcio, meritano di tornare in Africa di corsa – attacca europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo – Questi personaggi, tutti richiedenti asilo politico da anni (alcuni hanno persino presentato ricorso in tribunale dopo che la loro domanda è stata bocciata), devono capire che la pacchia è veramente finita e che possono tranquillamente tornare a casa loro senza nessuna possibilità di rimettere piede in Italia”. “Altro che proteste e manifestazioni: questa gente, che è mantenuta dallo Stato con colazione, pranzo e cena gratis, che non lavora e che passa le giornate a bighellonare, va rimpatriata il prima possibile – continua l’eurodeputata Bizzotto – Si è mai visto al mondo che chi scappa veramente dalla guerra protesti perché non vede le partite di calcio su Sky? Siamo seri le sceneggiate di questi falsi profughi di Vicenza sono l’ennesima presa in giro verso milioni di italiani in difficoltà che non sanno come arrivare alla fine del mese e che mai si sognerebbero di protestare per avere l’abbonamento a Sky“.

IL GIORNALE.IT

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.