Ecco che le donne Musulmane fanno un Video dove spiegano come Picchiare le Mogli

Un video è diventato ben presto virale su internet. Il gruppo “Hizb ut-Tahrir” spiega come va picchiata la moglie con il bastone chiamato “sivaak”. A tenere le lezioni sono le donne stesse: “Per noi è una benedizione”

adesso basta_musulmano_video_come picchiare moglie

La cosa più assurda è che a dire una frase del genere: “Le botte che i mariti danno alle mogli sono una bellissima benedizione”, siano state delle donne e non uomini!

Su il Giornale, leggiamo che:

C’è infatti un gruppo di islamiche radicali, chiamato “Hizb ut-Tahrir”, che tiene addiritture lezioni per spiegare come deve essere pestato il gentil sesso. “Il marito picchia la moglie perché la ama, è quasi una conseguenza naturale – spiegano – non lo fa per odio o rabbia, ma per seguire i comandamenti di Allah”.

Reem Allouche insegna alle elementari e tiene lezioni di mezz’ora in cui spiega come deve essere picchia una donna con il bastone chiamato “sivaak”. A registrare il contenuto di queste lezioni è stata Ollie Gillman per il Daily Mail Australia. Nel video, che è divenuto subito virale, la donna spiega che i mariti sono autorizzati a picchiare le mogli qualora queste disobbediscano.

Prima di ricorrere al bastone, però, devono infliggere punizioni “più leggere” con una sciarpa attorcigliata o con un pezzo di stoffa. Come spiegano le islamiche del gruppo radicale “Hizb ut-Tahrir”, le donne concordano nel farsi pestare quando “commettono peccato”.

Nella videolezione vengono spiegati quali siano i peccati per i quali la donna merita di essere picchiata, tra i quali anche cose assurde, come il fatto di aver fatto entrare in casa persone non gradite al marito!

“Questo serve a promuovere tranquillità”, dice Reem Allouche spiegando che in famiglia è il marito a comandare.

“Il marito picchia la moglie perché la ama – continua – è quasi una conseguenza naturale. Non lo fa per odio o rabbia, ma per seguire i comandamenti di Allah”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.