Ecco come i radical Chic ci fregano. Ecco quanti Quattrini ci fanno sborsare i Partigiani!

Un vero e proprio tesoretto quanto versato alle varie associazioni di stampo partigiano e antifascista.
Ovviamente parliamo di fondi statali, pubblici, cioè della comunità e cioé soldi dei cittadini italiani.
E non stiamo parlando di pochi spiccioli, visto che negli ultimi 6 anni sono stati versati circa 4 milioni di Euro!

Foto Credit: Il Giornale

Sì, perché ad ogni anno ad Autunno, puntuali come un orologio svizzero, le associazioni aspettano i soldi dei fondi pubblici, che permottono loro la sopravvivenza.

Infatti su il Giornale leggiamo che:
Anche quest’anno il Governo, approvando la legge di bilancio 2017, provvederà a sovvenzionare con quasi tre milioni di euro una pletora di organizzazioni combattentistiche dalle più disparate sigle.
Dai garibaldini all’Arma di Cavalleria, passando – ovviamente – per i partigiani.

I fondi per le associazioni combattentistiche provengono da due voci di bilancio: da una parte il ministero della Difesa mette a disposizione 1,7 milioni di euro da dividere tra 47 raggruppamenti; dall’altra il ministero dell’Interno, in collaborazione con quello delle Finanze, elargisce altri 1,6 milioni. Mica bruscolini. Buona parte di questi proventi finisce nelle tasche di organizzazioni che in un modo o nell’altro si riconoscono nell’esperienza delle varie brigate antifasciste. […]

Negli ultimi anni gli stanziamenti hanno avuto un andamento ondivago: cresciuti fino al 2014, si sono contratti nel 2015 per poi tornare a crescere. Nel 2017 la Pinotti ha registrato un incremento di 164.349 euro rispetto all’anno precedente, mentre quello del ministero dell’Interno si è ridotto di soli 77mila euro.

Foto Credit: Il Giornale

Comunque vada i soldi per i partigiani, in generale, e per tutti gli antifascisti non si fanno mai mancare.
La lotta partigiana a quanto pare non deve finire, ahinoi, negli scaffali della storia.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.