La relazione tra Forza Italia e Pd diventa un ‘ménage à trois’

Loading...

Che alla celebrazione del nuovo matrimonio tra Forza Italia e Pd ci lavorassero le ‘menti’ politiche più ‘eccelse’ dentro i due partiti, più esattamente conglomerati di partiti, era ormai notizia così diffusa da non suscitare nessun scalpore e appena ieri Silenzi e Falsità ne scriveva ampiamente.

Ma nessuno era riuscito a prevedere che la relazione a due diventasse un ‘ménage à trois’.

Infatti stamattina si sono incontrati, prima che cominciasse la riunione della Commissione bicamerale di Vigilanza, PD, FI e LeU e insieme hanno concordato di non presentarsi alla votazione per esprimere il parere vincolante sulla proposta del Ministero dell’Economia di Marcello Foa a Presidente della RAI, facendo così mancare i voti necessari per l’approvazione.

La notizia di oggi è che il matrimonio si allarga da PD e FI a LeU, si consuma subito e produce immediatamente il primo frutto, quello di bloccare la nomina di Foa.

Il tentativo, che non andrà in porto, è quello di impedire il cambiamento della Rai verso una gestione sana e indipendente dell’emittente pubblica, finora in ‘esclusiva comproprietà’ di PD (Matteo Renzi) con la ‘maggioranza delle quote’ e Forza Italia (Silvio Berlusconi) con la ‘minoranza’, in perfetto stile spartitorio e in amorevole concordia.

Loading...

In effetti si vuole impedire qualsiasi cambiamento, non solo quello in Rai: basta vedere il trattamento riservato al Decreto Dignità in questi giorni in discussione alla Camera.

Di qui la difesa rabbiosa dell’esistente, per cercare di continuare a lucrare il lucrabile come che le posizioni di potere di PD, FI e LeU fossero ancora in essere o almeno di rinviare il più tardi possibile la fine della bambagia.

Signori del triunvirato PD, FI, LeU, a voi non interessa nulla del destino del popolo italiano e pensate solo a voi stessi e a quelli della vostra cerchia ristretta.

Ma la stragrande maggioranza del popolo italiano si è finalmente accorta di che pasta siete fatti e vi ha tolto il potere di rappresentarla e lo ha affidato ad altri: 5Stelle e Lega.

E’ dura rendersi conto della dura batosta che vi ha inflitto il popolo italiano e quindi fate resistenza come che potreste mettere nel nulla la pronuncia di questo popolo nelle elezioni del 4 marzo scorso.

Ma è bene che non facciate infuriare chi allora non vi ha votato e i tanti che vi toglieranno anche i voti che vi hanno dato non più di qualche mese fa.

Oggi siete qualcosina, ma presto potreste essere nulla.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.