Il cannibalismo nigeriano in una lite. Gli stacca l’orecchio a morsi. Il motivo davvero banale.

Loading...

Due coinquilini. Due nigeriani. Disaccordo per la posizione del frigo in casa. Poi la tragedia.

I due uomini hanno iniziato una lite che è degenerata sempre di più fino all’impensabile. Uno dei due con un morso ha staccato l’orecchio dell’amico.

E qui torna in mente quando Meluzzi parlava di cannibalismo nigeriano. I fatti confermano qualsiasi dubbio in merito.

dettagli su Il Giornale:

È successo nella serata di ieri, un nigeriano di 25 anni è finito in manette con l’accusa di lesioni aggravate dalla crudeltà. I carabinieri di Siniscola che erano di pattuglia sono intervenuti e una volta fatta irruzione nell’appartamento dove vivevano i due nigeriani si sono trovati davanti una scena molto particolare: un 20enne nigeriano stava perdendo sangue dall’orecchio destro, gli uomini dell’arma hanno chiamato l’ambulanza ed è stato immediatamente trasportato nel vicino ospedale di Olbia Giovanni Paolo II.

Loading...

Il frammento di orecchio che gli era stato staccato a morsi dal coinquilino è stato recuperato e, grazie ad un delicato intervento chirurgico l’equipe medica è riuscita a ricostruire l’orecchio del nigeriano.

Il litigio, stando a quanto emerso dalle indagini dei carabinieri, sarebbe sfociato in seguito all’acquisto di un frigorifero nuovo. I due coinquilini non si sarebbero trovati d’accordo su dove posizionare l’elettrodomestico, questo li avrebbe spinti ad un brutale litigio sfociato nel morso del 25enne ai danni del 20enne, staccandogli l’organo dell’udito. L’autore del brutale gesto è finito agli arresti domiciliari mentre è attesa il processo per direttissima.

Fatti come questi suscitano polemiche inevitabili. Quale civiltà e quale cultura possono mai diffondere queste “risorse” nel nostro paese?

Fonte: ilgiornale

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.