Pozzallo, i barconi restano in rada: il ricollocamento di 100 immigrati non basta

Loading...

L’Italia non arretra di un millimetro. Le due navi con 442 migranti al largo di Pozzallo, in Sicilia, restano ancora in rada: niente approdo in porto, insomma. Si apprende che per due giorni, ai natanti, saranno consegnati i pasti, preparati nel centro di identificazione di Pozzallo. Il governo, insomma, attende ulteriori sviluppi: 100 dei migranti verranno ricollocati tra Francia e Malta, ma evidentemente l’Italia vuole rassicurazioni anche sugli altri. Resta la sproporzione: ad ora, i restanti 342 immigrati, graverebbero sul nostro Paese.

Loading...

Dunque, viene allestito un sistema di rifornimento: una motovedetta della Guardia costiera consegnerà i pasti alla nave Protector di Frontex, con a bordo 176 migranti, mentre una motovedetta della Guardia di Finanza li consegnerà al pattugliatore Monte Sperone, l’unità delle Fiamme Gialle che trasporta gli altri 266. A quest’ultima verranno forniti anche omogeneizzati e succhi di frutta per la ventina di minorenni a bordo, che nella notte sono stati visitati da operatori sanitari. Come detto, non è stata ancora presa una decisione per lo sbarco in un porto sicuro dei migranti, che erano stati soccorsi sabato su un barcone nei pressi dell’isola di Linosa.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.