Salvini: ‘Da Saviano altri insulti, in arrivo altra querela’

Loading...

“Da Saviano altri insulti, in arrivo altra querela.”

Lo scrive Matteo Salvini su Facebook condividendo il link di un articolo de Il Giornale che riportava le dichiarazioni di Roberto Saviano.

L’autore di Gomorra nel pomeriggio ha attaccato il ministro dell’Interno scrivendo sempre sul social network:

“Il Ministro della Mala Vita dice che i 67 migranti a bordo della Diciotti non sbarcheranno a Trapani se non avrà garanzie che verranno arrestati. Salvini anche oggi fa un’invasione di campo per avere visibilità”.

“questa volta a essere totalmente bypassata è la magistratura,” ha aggiunto.

“Salvini, preso da delirio di onnipotenza e credendo di disporre personalmente di tutti i poteri dello Stato, – ha continuato Saviano – dice che ‘il governo agisce con una sola voce e una sola testa’, la SUA”.

Loading...

“Ecco perché LUI – ha spiegato lo scrittore – chiede l’arresto per persone le cui vicende non sono ancora state valutate da nessun magistrato e, in casi come questo, di arresti si occupa la magistratura che è sottoposta solo alla legge e che non deve ‘garanzie’ a nessuno, neanche al ministro degli Interni”.

Poi l’affondo contro il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede: “Non ha nulla da dire? Ha capito Bonafede cosa sta accadendo? Se non l’ha capito, qualcuno può essere così gentile da spiegarglielo?”.

Saviano faceva riferimento alla vicenda dei 67 migranti che si trovavano a bordo della nave Vos Thalassa. La Guardia Costiera ieri è intervenuta perché il comandante dell’imbarcazione privata ha segnalato una situazione di “grave pericolo” per l’equipaggio, “minacciato, all’arrivo in zona di una motovedetta libica, da alcuni migranti soccorsi”, riporta Sky Tg24.

Stiamo ragionando. Se qualcuno ha fatto qualcosa che va contro la legge, appena sbarca in Italia finisce in galera e non in un centro di accoglienza”, aveva dichiarato in merito Matteo Salvini.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.