Benigni ha ritirato il premio Satira politica: ‘Lo dedico a chi non c’è più: il Pd’

Loading...

Roberto Benigni ha ritirato il premio Satira politica a Forte dei Marmi, in provincia di Lucca, e dal palco di Villa Bertelli ha fatto una dedica speciale: “Questo premio, che voi mi date, a parte dedicato a tutta la popolazione e a tutto l’amore che mi è stato riversato, per il quale davvero sono grato, lo vorrei dedicare anche io, come si fa sempre per sensibilità, agli scomparsi, a quelli che non ci sono più: dedico il premio al Pd!”

Nel suo discorso per la premiazione, ovviamente satirico, non ha risparmiato però nessuno: “La cosa che mi ha più colpito, dal punto di vista politico, in questo momento è quel carattere degli italiani, che non mi piace, di tutti quelli che saltano sul carro del vincitore. Veramente – continua ironicamente – è una cosa vergognosa. A noi del Movimento 5 Stelle questa cosa non piace per niente!”.

Loading...

Ha poi scherzato sulla crisi post elezioni che ha visto tutti gli esponenti dei partiti recarsi continuamente al Quirinale: “Le consultazioni dal presidente erano bellissime, quel via vai che non finiva più e il nostro amato presidente Mattarella, che non sapeva più che fare. E tutti che andavano con questa cosa dell’uno vale uno, dell’uomo qualunque, ho visto che non c’è più quel sogno: Cenerentola quando va al palazzo reale va con una carrozza meravigliosa. Invece tutti a piedi, chi andava in ciabatte, guidando da soli. Cottarelli addirittura è arrivato con lo zaino e il trolley, tutto sudato dalla stazione. Una cosa impressionante! Chi va con la borsa della spesa, anche col secchio della spazzatura. Alla Presidenza della Repubblica! Una cosa incredibile!”

E sul nuovo governo giallo-verde ha ironizzato: “Questa unione Movimento 5 Stelle con Salvini ci ha dato finalmente una speranza. Sono contento che abbiate dato il premio a un comico italiano. Basta con questi comici africani. Prima i comici italiani! Se vogliono far ridere noi li aiutiamo a far ridere a casa loro e nella lingua loro. Gli diamo le nostre battute, ma è finita la pacchia: se vogliono far ridere, vadano a far ridere a Malta!”

Non può risparmiarsi, infine, qualche battuta sullo scandalo che ha travolto la Lega: “Adesso c’è questo problema dei 49 milioni che non si trovano. L’unica spiegazione darebbe se l’anno prossimo Cristiano Ronaldo giocasse nella Lega!”

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.