Migranti, Macron sui centri di accoglienza: ‘Non in Francia, ma solo nei Paesi di primo arrivo’

“I centri sorvegliati di accoglienza in Ue su base volontaria vanno fatti nei Paesi di primo ingresso, quindi sta a loro dire se sono candidati ad aprire questi centri, ma la Francia non è un Paese di primo arrivo”.

Così Emmanuel Macron sui centri d’accoglienza alla seconda giornata di lavori del Consiglio Ue.

Il presidente francese ha anche detto che “le regole di diritto internazionale e di soccorso in mare sono chiare: è il Paese sicuro piu’ vicino che deve essere scelto come porto di approdo”.

E ha sottolineato: “Le nostre regole di responsabilità sono altrettanto chiare, si tratta del Paese di primo approdo nell’Ue. In nessun caso questi principi sono rimessi in discussione dall’accordo raggiunto dai leader europei. Verso i Paesi di primo arrivi dobbiamo però essere più solidali”.

Il belga Charles Michel ha ribadito che l’accordo “non ha cambiato il sistema di Dublino e conferma la responsabilità dei paesi di primo ingresso”.

Per il momento quindi l’accordo di principio sulla condivisione degli sbarchi dovrebbe riguardare soltanto Italia, Spagna e Malta.

Nel frattempo il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha fatto sapere che “gli unici centri che stiamo aprendo sono quelli per i rimpatri, almeno uno in ogni Regione” e che l’Italia non farà nuovi centri di accoglienza. E ha aggiunto: “Voglio lavorare in concordia con il governo tunisino”.

Il leader della Lega ha anche detto che “le navi delle Ong non vedranno più l’Italia, la vedranno solo in cartolina” e che “i porti saranno chiusi per tutta l’estate”.

Giuseppe Conte, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se fosse soddisfatto dell’accordo raggiunto con gli altri leader europei, ha dichiarato:

“Vi devo fare una confessione, se avessi potuto scrivere da solo le conclusioni, qualche passaggio lo avrei scritto diversamente”, ma “considerato che si è trattato di una lunga e complessa negoziazione tra 28 Stati, non posso che ritenermi soddisfatto”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.