Meteo – Non solo caldo intenso, in arrivo anche modeste quantità di sabbia in sospensione dal Deserto del Sahara

STABILITÀ DIFFUSA E CALDO IN AUMENTO IN ITALIA

Salve e ben ritrovati cari lettori del Centro Meteo Italiano. Una saccatura depressionaria è in allungamento dalle Isole Britanniche verso la Penisola Iberica, isolandosi poi in goccia fredda grazie ad una spinta dell’anticiclone delle Azzorre in Atlantico fino a lambire proprio le Isole Britanniche. Affondo depressionario che favorisce l’espansione dell’anticiclone africano sul Mediterraneo centrale, alimentato dalla risalita di masse di aria calda dal nord Africa, con conseguente maggiore stabilità delle condizioni meteo sull’Italia ed un aumento delle temperature. Inoltre, come vedremo di seguito, porterà anche molta sabbia dal Deserto del Sahara.

SECONDA PARTE DELLA SETTIMANA CON PICCO ONDATA DI CALDO

L’avvezione di aria calda dal nord Africa porterà una intensa ondata di caldo sull’Italia, con picco atteso tra le giornate di giovedì e venerdì, quando sono previste anomalie termiche positive di circa 10-12 gradi. Massime prossime ai 35°C anche al Nord, con valori localmente superiori sulla pianura Padana centro-orientale, specie sulla Romagna. Temperature che al Centro tenderanno anche a superare i 35°C con punte anche fin verso i 40°C specie nelle vallate interne tra Lazio e Umbria. Al Sud e sulle Isole Maggiori attesi valori addirittura superiori ai 40°C, specie nelle zone interne della Sicilia, della Sardegna e tra Puglia e Basilicata e con possibili punte anche di 43°C/44°C specie sul Tavoliere delle Puglie. Nel corso del weekend, come vedremo nell’ultimo paragrafo, è attesa una generale rinfrescata, anche se nella giornata di sabato possibili valori ancora intorno ai 40°C sulla Sicilia e zone interne tra Puglia e Basilicata.

Dust previsto per giovedì 20 giugno dal modello SKIRON; fonte University of Athens

Dust previsto per giovedì 20 giugno dal modello SKIRON; fonte University of Athens

NON SOLO CALDO, MA ANCHE PULVISCOLO SAHARIANO IN SOSPENSIONE

La risalita di masse di aria dal continente africano, oltre a portare un aumento delle temperature, porterà con se anche una importante quantità di sabbia dal Deserto del Sahara, che già sta iniziando ad interessare il Mediterraneo dalla giornata odierna. Stando alle previsioni del modello SKIRON, il picco della risalita di pulviscolo di sabbia in sospensione è previsto per giovedì 20 giugno, come si può notare anche nell’immagine allegata, con maggiori concentrazioni su Mediterraneo occidentale, Sardegna e Nord Italia, con valori colonnari superiori ai 1500 mgr/m^2 sull’Italia ed anche oltre 2000 mgr/m^2 sull’Isola sarda. Sabbia in sospensione che porterà anche alla formazione di nubi, comportandosi da CCN (Cloud Condensation Nuclei), con molti disturbi nuvolosi attesi al Nord e sulla Sardegna, con anche qualche pioggia al Nord-Ovest, e che comunque andrà ad offuscare in parte il sole anche al Centro-Sud dove provocherà un aumento delle concentrazioni di PM10 con deposizione secca al suolo di sabbia e la formazione di velature in quota.

METEO WEEKEND: GENERALE CALO TERMICO E POSSIBILITÀ DI TEMPORALI SPARSI

Ondata di caldo che sarà molto intesa soprattutto sulle regioni del Centro-Sud ma probabilmente anche piuttosto veloce. Con l’arrivo del weekend infatti i principali modelli mostrano l’arrivo di una saccatura depressionaria la quale dovrebbe portare una generale rinfrescata sulla Penisola ed anche una ripulita dell’aria dal pulviscolo sahariano, con valori colonnari che scenderebbero sotti ai 1000 mgr/m^2 al Sud e sulle Isole Maggiori ed addirittura sotto ai 100 mgr/m^2 al Centro-Nord, pressoché assente al Nord-Ovest. Entro Domenica condizioni meteo che potrebbero farsi più instabili con possibilità anche di acquazzoni e temporali sparsi, anche se per i dettagli è ancora presto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.