Adele Baldasarre, la cantante morta nel sonno a 16 anni. Arrivano i risultati dell’autopsia…

“Sono stanca, vado a dormire”. Una frase banale quella pronunciata da Adele Baldassare, 16enne di Modena. La ragazza però non si è più svegliata, mamma e papà l’hanno trovata morta nel letto. Cosa l’abbia uccisa, nella notte tra martedì 4 e mercoledì 5 giugno, sarà l’autopsia a dirlo. Ora l’autopsia ha svelato la causa della morte: embolia polmonare. Adele frequentava il liceo musicale Sigonio di Modena, sognava di fare la cantautrice e stava muovendo i primi passi nel mondo della musica. Nei giorni precedenti alla sua morte era stata poco bene e si era sottoposta ad accertamenti alla tiroide. Non erano però emersi dati preoccupanti e nulla lasciava presagire la tragedia. 

Chi era Adele

“Ciao a tutti, sono Adele, una ragazza di 15 anni a cui piacerebbe vivere di musica” aveva scritto appena 9 mesi fa quando aveva aperto il proprio canale YouTube per far sentire al mondo “Marilù”. “Questa è la mia prima canzone – continuava – parla di una donna che ha subito violenza e trova il coraggio di lasciare l’uomo che la tratta come uno scarto. Spero di aver reso giustizia a un argomento di tale importanza e di non essere risultata banale”. Adele era profonda e ricca di talento, forse ereditato dalla parte materna: la sedicenne infatti era nipote del basso di fama internazionale Riccardo Zanellato; anche la zia Enrica Zanellato affianca alla vetreria artistica la musica cantando in un gruppo.

Sotto choc compagni di classe e insegnanti. La scuola ha annullato i festeggiamenti previsti per l’ultimo giorno di lezioni ricorda Adele in un post sul proprio sito: “Allieva di pianoforte e canto, nel corso dell’anno aveva partecipato a diversi eventi musicali, tra cui il concorso nazionale ‘Scuole in musica di Verona’, dove si era classificata al primo posto tra i pianisti per la categoria triennio solisti. Venendo al canto, la studentessa faceva parte del ‘Coro specialisti’ dell’istituto, con il quale aveva preso parte a una serie di rassegne e concorsi, esibendosi l’ultima volta lunedì sera al teatro comunale di Modena in ‘Armonie del Novecento: un viaggio sinfonico’. I compagni ricordano Adele come una ragazza straordinaria. I docenti rimpiangono la sua eccezionale sensibilità che emergeva nell’amore per la poesia e per la musica, infatti, la ragazza sognava di diventare cantautrice e aveva già composto alcuni brani musicali. La sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile in tutta la comunità scolastica”. 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.