ITALIA, PROF COLPITA A SCUOLA DA UN 17ENNE: COSA È SUCCESSO

Ieri mattina, nell’atrio dell‘Enaip, l’istituto professionale alle porte di Varese, un’insegnante è stata colpita da uno studente di 17 anni. Parliamo di una notizia che, in men che non si dica, ha raggiunto i principali siti d’informazione, dando il via ad una marea di commenti e riflessioni.

Riflessioni doverose, in quanto l’accaduto si consumato tra le mura di un istituto scolastico,  quello in cui, nel quotidiano, i nostri figli dovrebbero recarsi per seguire le lezioni, per  imparare, per spianarsi la strada per il futuro, non certo per  compiere simili reati ai danni di chi  ha il compito di formarli.

Non è il primo caso, non sarà l’ultimo, quello accaduto alla professoressa 57enne , raggiunta da una serie di fendenti,  e che avrebbe potuto perdere la vita. In tantissimi, in queste ore, stanno manifestando la massima vicinanza e solidarietà nei confronti della docente, con messaggi partecipativi.

Resta lo sconcerto, l’incredulità,  misti a quel senso di rabbia dinnanzi a quello che non doveva accadere ma che si è materializzato, proprio ieri mattina, in orario scolastico. Le indagini proseguono senza sosta, a caccia del movente che abbia guidato la mano dello studente nel compimento del reato.

Ma cosa è accaduto esattamente? Vediamolo insieme, alla luce della primissima ricostruzione effettuata a mezzo stampa, grazie al racconto della stessa professoressa colpita  dallo studente 17enne.

Ieri,  5 febbraio 2024, a Varese, uno studente 17enne, al primo giorno di rientro a scuola dopo alcuni mesi di stage,  ha estratto un coltello a serramanico preso da casa, colpendo per tre volte alla schiena una delle sue insegnanti, la  57enne Sara Campiglio che si trova ricoverata in ospedale,  dopo essere stata sottoposta ad un’intervento chirurgico, peraltro molto delicato.

In queste ore,  la Squadra mobile e la Procura dei minori di Milano  hanno il compito di capire perché il giovane, finito in cella, con l’accusa di tentato omicidio, si sia macchiato di un simile reato.  Una storia davvero raggelante, consumatasi tra le mura di un istituto scolastico e che avrebbe potuto avere un epilogo ancora più spiacevole e infausto. Immediatamente, l’accaduto  ha innescato una marea di commenti sul web, dove in tanti hanno espresso profonda vicinanza all’insegnante.

Sara Campiglio non si dà pace. Ha 30 anni di attività professionale, e non riesce a capire il perché lo studente l’abbia colpita. Il 17enne, con disturbi dell’apprendimento, l’ha colpita alle spalle poco dopo il suono della campanella con, in tutto, tre fendenti, inferti alla schiena,  appena sotto la scapola, al polmone, per cui ha subito un delicato intervento. La docente  non è in pericolo di vita, mentre   il colpevole è stato arrestato dagli agenti della Questura  e ora  si trova nel centro di prima accoglienza del  penitenziario Beccaria di Milano in attesa della convalida del provvedimento.

Sara, ieri mattina, si è fermata al  banco, nell’atrio, con accanto la collega Gabriella C.. Stavano chiacchierando quando, tutto ad un tratto, lo studente l’ha raggiunta alle spalle. La donna ha capito quello che le stava accadendo, mentre la collega l’ha soccorsa in attesa dell’ambulanza che è subito arrivata. Quando  gli agenti sono giunti, lo studente aveva lo sguardo nel vuoto e non ha opposto resistenza. 

Ad oggi non si conoscono i motivi del reato, non c’è stata una discussione tra lo studente e la docente, mentre alcuni compagni di scuola  lasciano intendere che allo studente era andato male lo stage, che si sarebbe aspettato un’offerta lavorativa.  L’istituto, dal suo canto, ha precisato che il 17enne è sempre stato seguito con competenza e professionalità,  ribadendo che i progetti di inclusione sono per Enaip un punto di forza e hanno negli anni consentito anche alle persone più fragili un reinserimento nel mondo del lavoro.  Sul caso è intervenuto anche ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, mostrando la sua vicinanza agli insegnanti e precisando che lo  Stato si costituirà parte civile per il danno di immagine arrecato con questo fatto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.