Scintille in tv tra Salvini e Gruber: “Siete faziosi”

“Ho asfaltato Lilli Gruber? Erano due contro uno ma penso di aver detto la mia”. Con queste parole, Matteo Salvini, leader della Lega, si è rivolto agli utenti durante una diretta su Facebook, commentando la sua recente partecipazione al programma Otto e mezzo. Il segretario del Carroccio è stato protagonista di un acceso confronto con Lilli Gruber, conduttrice della trasmissione di La7, e con Massimo Giannini, presente in studio.

Salvini: “La 7 faziosa”

Durante il dibattito, Lilli Gruber ha ribadito l’importanza dell’indipendenza giornalistica, affermando: “Volevo rassicurare lei, La7 è una rete piena di giornalisti che fanno il loro mestiere in modo serio tutti i santi giorni ponendo delle domande. Anche per voi politici è meglio che i giornalisti non siano inginocchiati davanti a voi, no?”. A queste parole, Salvini ha risposto sottolineando quella che percepisce come una faziosità nei confronti della Lega: “Diciamo che sulla Lega c’è una faziosità dalla mattina alla sera che non ho mai visto nemmeno in emittenti di altri paesi. È un mio giudizio. Poi, per fortuna, gli italiani maturano il proprio giudizio a prescindere da quello che dice La7“.

La discussione ha toccato anche temi internazionali di grande rilievo, come la posizione della Lega e dell’Italia rispetto alla guerra in UcrainaSalvini ha espresso la sua opposizione all’invio di armi in Ucraina senza la certezza che queste non colpiscano la Russia: “La Lega non voterà nessun decreto per l’invio di armi in Ucraina se non ho la certezza che nessuna arma italiana colpirà in Russia e scatenerà la terza guerra mondiale. Non voglio che neanche un proiettile vada a colpire in Russia perché non siamo in guerra con la Russia“.

Alla domanda se teme una terza guerra mondiale, Salvini ha risposto con preoccupazione: “Assolutamente sì, qualcuno sta scherzando col fuoco”, definendo “pericolosi” il presidente francese Emmanuel Macron e il segretario generale della NatoJens Stoltenberg.

Il leader della Lega ha chiarito la posizione del suo partito nei confronti della Nato e della Russia: “Noi siamo con la Nato, siamo per un’alleanza difensiva. Se Macron ha voglia di guerra, si metta il caschetto e vada in Ucraina, in RussiaMacron, non i nostri figli”. Salvini ha ulteriormente precisato: “Quando la Russia ha scatenato la guerra è passata dalla parte del torto”, riconoscendo che chi scatena una guerra è un criminale. “Prima della guerra, tutto il mondo aveva a che fare con Putin. Quando la Russia ha bombardato l’Ucraina è passata dalla parte del torto”.

Il confronto tra SalviniGruber e Giannini ha offerto uno spaccato significativo delle tensioni e delle divergenze che attraversano la politica italiana e le relazioni internazionali. Un dibattito che continua a suscitare grande interesse e a polarizzare l’opinione pubblica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.