Bimba di 2 anni investita fuori dall’asilo: dopo ore di agonia purtroppo la tragica notizia

Un evento sconvolgente colpisce il quartiere Sant’Anna di Brescia, dove una bambina di un anno e mezzo è stata investita insieme alla nonna nel parcheggio dell’asilo Little England. La piccola è stata trasportata in condizioni disperate all’ospedale pediatrico Civili, purtroppo non ce l’ha fatta. Anche l’anziana donna è stata ricoverata in codice giallo con traumi agli arti in un altra struttura sanitaria.

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, le due vittime sono state travolte da un’automobile in retromarcia, guidata da una nonna di un bambino che frequenta l’istituto che comprende materna, elementari e medie. Il sinistro è avvenuto fuori dall’istituto bilingue, dove la nonna e la nipotina erano appena uscite.

Sul posto sono intervenuti immediatamente soccorritori e polizia locale, che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto. La bimba era in arresto cardiaco quando è arrivata l’automedica. Sul piccolo corpicino sono state eseguite le prime manovre di rianimazione prima del trasferimento all’unità pediatrica del nosocomio. La nonna di 80 anni è stata trasportata alla clinica Sant’Anna con lesioni lievi al braccio e alla gamba, mentre la bambina è stata portata d’urgenza in condizioni gravissime.

Un evento tragico che ha scosso la comunità del quartiere Sant’Anna. Le indagini sono ancora in corso per comprendere meglio le circostanze che hanno portato allo straziante episodio. Storie come questa fanno riflettere sulla sicurezza che in luoghi dove transitano bambini dovrebbe essere ai massimi livelli. L’imprevedibilità e le incertezze dovrebbero essere sotto controllo ovunque, ma nelle vicinanze di scuole, parco giochi o impianti sportivi pediatrici dovrebbero essere ancora maggiori.

La famiglia è sotto shock e sta ricevendo messaggi di partecipazione da parte tantissime persone. Ci auguriamo che la piccola si riprenda presto, senza gravi conseguenze e l’accaduto resti un lontano ricordo nella sua vita. Le scuole dovrebbero essere il luogo più sicuro dopo la casa dei genitori dove i bambini possono giocare e correre felici lontani dai pericoli.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.