TRE RAGAZZI DISPERSI, INTERCETTATO UN CELLULARE 

Sono stati trascinati via dalla forza dell’acqua e risultano attualmente dispersi tre ragazzi, una ragazzo e due ragazze, in Fiuli-Venezia Giulia. Si tratta di Patrizia Cormos, 20 anni, Bianca Doros, 23, e il suo fidanzato di 25 anni.

I tre si trovavano lungo il corso del fiume quando improvvisamente la piena gli ha raggiunti. I ragazzi, come si vede dalle immagini ripresi dai Vigili del Fuoco, per cercare di mettersi in salvo hanno raggiunto una isoletta di ghiaia al centro del fiume per cercare di rimanere in piedi.

I ragazzi si sono abbracciati per cercare di resistere all’acqua che si faceva sempre più impetuosa. I Vigili del Fuoco hanno gettato le corde ma nessuno di loro è riuscito ad afferrarle. Poco dopo l’acqua gli ha trascinati via e al momento non si sa dove possano essere i tre ragazzi.

Le famiglie come si può facilmente immaginare cominciano a temere che sia accaduto il peggio. Il fiume interessato dalla piena che ha colpito i rgazzi è il Natisone a Premariacco, fra Udine e il confine sloveno, in Friuli Venezia Giulia.

Il corso d’acqua era in piena anche a causa del maltempo che in questi giorni ha colpito quella zona del nostro Paese così come tutto il settentrione. Patriza era una studentessa dell’Accademia delle Belle Arti Tiepolo di Udine e frequentava il corso di Interio Desing. I suoi amici erano venuti a trovarla per passare qualche giorno assieme.

Secondo quanto si apprende dalla stampa nazionale le ricerche dei tre ragazzi dispersi dopo la piena del fiume Natisone sono ricominciate questa mattina 1 giugno. Anche il minsitro Matteo Salvini ha effettuato delle dichiarazioni in merito affermando che il Governo sta seguendo da vicino il caso.

“Erano venuti a trovarla due amici, in particolare una ragazza con il suo fidanzato, lui sta in Austria. Lei aveva avuto un esame oggi. Mi aveva detto “Lasciami andare con loro, stiamo un po’ insieme e facciamo qualche foto” – così ha detto la mamma di Patrizia parlando ai media nazionali.

I soccorritori continuano a cercare i ragazzi dispersi e pare ci sia stata una svolta nelle ricerche. Infatti il drone impiegato nelle ricerche, uno strumento dotato di tecnologia all’avanguardia, ha intercettato il cellulare di uno dei ragazzi.

Nelle scorse è stato confermato che è stata trovata un’auto con targa della Romania. Adesso i soccorritori sperano che il cellulare siano rimasto in tasca al suo proprietario e quindi sperano così di poter ritrovare i ragazzi. Se siano vivi oppure se per loro non vi è stato nulla da fare saranno le ricerche a dirlo.

“Imponente lo schieramento di mezzi che dalle prime luci dell’alba stanno setacciato la forra di Premariacco in direzione Paderno. Durante la notte hanno sospeso in un punto le ricerche in attesa di potersi calare o risalire dal fiume. Sono ore decisive” – così ha detto il sindaco di Premariacco, Michele De Sabata.

La speranza di trovare i ragazzi in vita non è quindi svanita e si continuerà a cercare nelle prossime ore.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.