“Str***”, Travaglio sta con Meloni e contro De Luca. E attacca Elly Schlein

Marco Travaglio si schiera con Giorgia Meloni e attacca Vincenzo De Luca. In un editoriale, il direttore del Fatto Quotidiano parla del video in cui la Meloni, a Caivano, si presenta come «Quella stronza della Meloni» davanti a De Luca, replicando a un suo insulto fuori onda (VIDEO). Questo video, organizzato dall’entourage della premier, è diventato virale dopo essere stato mostrato ad Atreju. De Luca ha risposto parlando di «raffinata eleganza». Travaglio sostiene che, dopo questo episodio, la politica italiana avrebbe dovuto solidarizzare con la premier, specialmente Elly Schlein e Giuseppe Conte.

Sessismo?

Travaglio critica Schlein per non aver parlato di sessismo, liquidando la questione con un commento evasivo: «Grazie, ho già risposto sull’autonomia differenziata». Solo ieri, la segretaria del PD ha attaccato la premier dicendo: «La Meloni si descrive da sola». Conte, secondo Travaglio, avrebbe dovuto ricordare gli insulti di De Luca contro gli esponenti del Movimento 5 Stelle, come Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Invece, si è limitato a dire che Meloni «è rosicona e vendicativa», perdendo l’occasione di criticare entrambi i contendenti, che durante la pandemia lo avevano definito un criminale

Travaglio conclude che l’idea di non dare ragione alla Meloni, anche quando ha ragione, è un errore che indebolisce l’opposizione. Questo atteggiamento settario e fazioso della sinistra, secondo Travaglio, ha contribuito a portare Meloni a Palazzo Chigi e la manterrà al potere ancora a lungo.

In sintesi, Travaglio accusa l’opposizione di incoerenza e di mancanza di fermezza nel condannare comportamenti inappropriati, rafforzando così la posizione della leader di Fratelli d’Italia.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.