“Nuovo intervento chirurgico”. Kate Middleton, indiscrezioni choc: “Il peggio deve arrivare”

Kate Middleton, secondo la giornalista spagnola ed esperta di reali Concha Calleja la situazione della principessa del Galles non sarebbe affatto rosea. Lo ha raccontato in diretta tv, all’interno del programma Fiesta di Telecinco. In queste settimane le voci su Kate si sono moltiplicate, la maggior parte non belle. Il National Enquirer, per citare l’ultima, scrive chiaro e tondo che “il principe William teme che possa morire”.

Il marito, ovviamente, è sempre al fianco di Kate Middleton, alternando la vita familiare a pochi eventi pubblici. Secondo il sito di gossip Radar Online poi, Kate soffre di stanchezza, nausea e altri effetti collaterali della chemio preventiva. Ora quest’altra brutta notizia destinata ad agitare i sogni dei sudditi di sua maestà.

Kate Middleton, la principessa verso un nuovo intervento?

Mi è stato riferito che il peggio non è ancora arrivato – ha spiegato Calleja – La cura non finirà prima del mese di agosto e Kate dovrà sottoporsi a un altro intervento chirurgico prima della fine dell’anno. Questa operazione fa parte dello stesso processo che va avanti da mesi”. La malattia, quindi, non sarebbe del tutto vinta, anzi.

Forse in virtù di questo secondo intervento l’agenda di Kate Middleton è vuota fino alla fine del 2024 e il suo ritorno in pubblico non è previsto prima del 2025. “Speriamo che con la fine delle cure e con un altro intervento chirurgico si sappia qualcosa in più”, ha aggiunto Concha Calleja. A queste parole si sono aggiunte quelle di un’altra giornalista spagnola: Pilar Eyre.

Secondo la quale che sarebbe sempre più preoccupazione per la salute di Kate Middleton. “La guarigione della 42enne si sta rivelando più complicata del previsto e nella royal family c’è agitazione e apprensione. Il suo corpo è debole, non riesce ancora a camminare completamente da sola e non ha nemmeno finito di riprendersi dall’intervento chirurgico che la chemioterapia preventiva, l’ha messa a dura prova”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.