Colto da un malore mentre si esibiva sul palco: tragedia nella musica italiana

Staffolo, Ancona,  un musicista 71enne di Jesi è stato colto da un malore mentre si esibiva sul palco con la sua band in occasione dell’evento Cantine Aperte. 

Luciano Porcarelli

Luciano Porcarelli, il concerto con la band a Cantine Aperte

Il tragico evento è accaduto nella giornata di ieri, domenica 26 maggio 2024, intorno alle ore 19.30Luciano Porcarelli, di 71 anni, era impegnato a suonare la batteria con il suo gruppo musicale Esino River Band in occasione di Cantine Aperte. Il gruppo si trovava presso la Cantina Zaccagnini per esibirsi in un concerto davanti al pubblico in visita. Purtroppo, un’occasione che doveva essere di divertimento e festa si è tramutata in dramma.

Luciano Porcarelli di Jesi

Il malore durante il concerto

Luciano Porcarelli aveva ripreso a suonare insieme agli amici di sempre, portando la sua passione per la musica in giro per la Vallesina. Ieri, il sono della band si è infranto proprio sul palco. Il concerto a “Cantine Aperte” sarebbe stato di paio d’ore: tutto era filato liscio e la band stava concludendo il penultimo pezzo in scalettaI shot the sheriff di Bob Marley, quando è successa la tragedia. Mentre suonava la batteria, Luciano è stato colto da malore e si è accasciato di fronte al pubblico.

I tentativi di soccorso

Il pubblico si è accorto subito che qualcosa non andasse e dopo aver visto Luciano accasciarsi è stato dato l’allarme. Poco dopo sono arrivati i soccorsi sul posto con l’automedica del 118 di Jesi e un’ambulanza della Croce verde di Cupramontana. I tentativi di rianimazione sono stati vani e purtroppo il 71enne non è riuscito a salvarsi. La salma è stata poi trasferita presso la Casa del commiato David Icof. Ora rimane il vivido ricordo del suo talento come virtuoso della batteria capace di far ballare con ogni ritmo. Luciano Porcarelli era anche conosciuto per essere titolare di una nota gelateria: la storica bottega, dal 1952, dei mastri gelatai Ciro&Pio che gestiva insieme al cugino Massimo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.