“Putin pronto a firmare la pace sui confini attuali”: lo confermano fonti russe

In una mossa strategica prima del G7, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che autorizza la confisca delle proprietà americane in Russia nel caso di espropri di beni russi negli Stati Uniti. Questa decisione arriva mentre il G7 sta discutendo sull’utilizzo degli interessi derivanti dagli asset russi congelati per sostenere l’Ucraina.

Nel frattempo, un altro alto ufficiale russo è stato arrestato per corruzione, evidenziando le continue purghe interne. Putin si trova a Minsk per incontrare il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, mentre in Francia è stato effettuato il primo test di lancio di un missile aggiornato con capacità nucleare. Sul fronte ucraino, l’esercito russo continua la sua avanzata nell’est del paese, e la Norvegia ha deciso di chiudere il confine ai turisti russi.

“Il presidente russo Vladimir Putin è pronto a fermare la guerra in Ucraina con un cessate il fuoco negoziato che riconosca le attuali linee di confine”, hanno detto a Reuters quattro fonti russe, dicendo che è pronto a combattere se Kiev e l’Occidente non rispondono. Tre delle fonti, che hanno familiarità con le discussioni nell’entourage di Putin, hanno detto che il leader russo ha espresso frustrazione a un piccolo gruppo di consiglieri per quelli che considera tentativi sostenuti dall’Occidente di ostacolare i negoziati e la decisione del presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy di escludere i colloqui. “Putin può combattere per tutto il tempo necessario, ma è anche pronto per un cessate il fuoco – per congelare la guerra”, ha detto un altro dei quattro, una fonte russa di alto livello che ha lavorato con Putin e è a conoscenza di conversazioni ad alto livello al Cremlino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.