“Cosa faceva ad Angelina Mango”. Arrestato un uomo di 49 anni: la conferma dei quotidiani

Momento d’oro per Angelina Mango, fresca dall’esperienza all’Eurovision Contest Song, nel quale si è piazzata al settimo posto. A un anno di distanza dalla vittoria del circuito di canto, la cantante è tornata protagonista di un’altra finale di “Amici”, stavolta nella veste di super ospite. Qui, dove tutto è iniziato, l’artista ha proposto un medley delle canzoni che le hanno cambiato la vita.

Dal tormentone estivo “Ci pensiamo domani”, presentato proprio l’anno scorso nel corso del talent show, alla hit autunnale “Che t’o dico a fa’”, certificata doppio disco di platino. Senza dimenticare ovviamente “La noia”, con cui ha trionfato all’ultimo Festival di Sanremo davanti a Geolier e Annalisa e che ha portato sul palco di Malmo per l’Eurovision Contest Song.

Angelina Mango, arrestato il suo stalker

Angelina Mango, arrestato il suo stalker

“Grazie per tutto. Qui ho imparato e disimparato a vivere nello stesso momento, e questa cosa è bellissima”, ha detto la cantante al termine della sua esibizione, tra gli applausi del pubblico. “Mi state regalando il mondo”, ha detto ancora. Un momento d’oro per la cantante e figlia del compianto Mango, ma anche un periodo in cui, purtroppo, ha dovuto fare i conti con uno stalker.

Poco fa è stata confermata notizia che Angelina Mango e sua madre Laura Valente per mesi sono state vittime di stalking e a febbraio la cantante è stata costretta a presentare denuncia in provincia di Milano. La persona in questione è finita agli arresti domiciliari, ma nonostante la pena, l’uomo di 49 anni per mesi ha continuato a inviare ad Angelina e a sua madre raccomandate e messaggi WhatsApp.

Ieri mattina sono intervenuti i carabinieri e l’uomo è stato prelevato dalla sua abitazione di Mesola, in provincia di Ferrara, su ordine del giudice per le indagini preliminari di Milano e poi è stato ricoverato in una clinica psichiatrica del servizio ospedaliero. Come riporta Novella 2000, sarà poi il giudice, dopo aver analizzato tutti gli elementi raccolti, a valutare o meno l’eventuale infermità mentale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.