Funerale Franco Di Mare, c’erano anche i vertici Rai: il loro gesto non passa inosservato

Sono terminati poco fa i funerali di Franco Di Mare, nella basilica  di Santa Maria in Montesanto, in piazza del Popolo a Roma.  Il giornalista si è spento il 17 maggio a 68 anni a causa di un  mesotelioma, un cancro molto aggressivo che non ha cura, causato dall’amianto. Alla veglia erano presenti la famiglia, gli amici e i colleghi della Rai, a cui Franco Di Mare ha dedicato gran parte della sua vita. Presenti anche L’amministratore delegato della Rai Roberto Sergio e il direttore generale Giampaolo Rossi. Il loro gesto all’arrivo nella chiesa non è passato inosservato.

L’ultimo saluto a Franco Di Mare

È iniziato alle 14 il funerale dell’ex inviato di guerra Franco Di Mare. Giulia Berdini, la moglie sposata due giorni prima di morire, indossa occhiali scuri cercando di trattenere le lacrime ma poi il dolore vince. In chiesa le sono vicine Stella, figlia di Di Mare, e il fratello Gino.  Nella Basilica di Santa Maria in Montesanto in piazza del Popolo, nota anche come ‘chiesa degli Artisti’, sono stati avvistati numerosi personaggi della tv e dello spettacolo, colleghi giornalisti, conduttori che hanno condiviso (e non) anche solo un piccolo pezzetto di percorso con Franco Di Mare. Avvistati Bruno Vespa, Serena Bortone e Francesco Giorgino. Tra gli altri anche il fisico e divulgatore scientifico Valerio Rossi Albertini. Presenti anche i vertici Rai nelle persone di Roberto Sergio, ad, e Giampaolo Rossi, dg. Sulla presenza dei vertici Rai, Vespa, raggiunto all’uscita dai cronisti, ha dichiarato: “Spero che la Rai, che con lui s’era addormentato, si sia risvegliata. La presenza dei dirigenti è un ottimo segnale“.

La denuncia

Il 28 aprile scorso, partecipando alla trasmissione Che tempo che fa” Franco Di Mare aveva annunciato: “Ho un tumore molto cattivo, il mesotelioma: si prende respirando le particelle di amianto. Mi rimane poco da vivere ma non è ancora finita“. Il giornalista, ha ripercorso in quell’occasione la sua vicenda e ha denunciato quella che ha definito l’indifferenza dell’azienda che non aveva risposto alle sue richieste di avere lo stato di servizio per poter ricostruire l’iter della sua carriera lavorativa e capire dove e come poteva aver contratto la malattia. Aveva anche lamentato l’atteggiamento, tenuto di fronte alla sua malattia: si sono dileguati “tutti i gruppi dirigenti, non quello attuale, ma quelli precedenti. Posso capire che esistano delle ragioni di ordine legale, sindacale, ma io chiedevo alla Rai lo stato di servizio che è un mio diritto, i posti in cui sono stato, così potevo provare a chiedere alle associazioni di categoria cosa fare… sono spariti tutti Quelle persone che Franco non ha avuto al suo fianco durante la malattia, si sono presentati al suo funerale. (continua dopo la foto)

franco di mare

I vertici Rai al funerale di Franco Di Mare

Franco Di Mare aveva parlava della Rai come azienda per la quale ha lavorato per gran parte della carriera, e che negli ultimi anni gli aveva “voltato le spalle“. L’amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio, il direttore generale Giampaolo Rossi e la presidente Marinella Soldi, sono arrivati in piazza del Popolo per assistere ai funerali dell’ex inviato Rai. I vertici della tv di Stato, arrivati insieme, sono entrati direttamente nella Basilica senza rilasciare alcuna dichiarazione. (continua dopo la foto)

franco di mare

La battagli dell’avvocato

Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto e avvocato del giornalista, a aveva scritto una nota a poche ore dalla morte di Di Mare, in cui ha descritto il quadro attuale parlando delle prossime azioni da intraprendere. “Proseguiremo la battaglia di giustizia e raccogliamo il testimone dell’impegno di Franco Di mare contro l’amianto“, commenta il legale. E poi aggiunge: “Sono reati perseguibili d’ufficio e come associazione siamo pronti a costituirci come parti offese. Chiederemo che i responsabili della morte di Di Mare siano individuati e puniti“. Nell’intervista al programma condotto da Fabio Fazio, il giornalista Rai aveva rivelato che il mesotelioma che lo ha ucciso è con ogni probabilità una conseguenza del suo periodo da inviato di guerra in Bosnia. “È la Rai che deve risarcire il danno. Spetta all’azienda verificare quali sono i rischi per un proprio dipendente che viene inviato in zone di guerra, in presenza di fibre di amianto in grande quantità e di materiali radioattivi, e mettere in atto tutte le misure di protezione necessarie“, aveva detto il giornalista.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.