“Quattro morti, tutti sotto i 26 anni”. Due terribili incidenti in poche ore: è strage di giovani

Notte di sangue sulle strade italiane. Ieri notte, sabato 18 maggio, in due incidenti a poca distanza di tempo, hanno perso la vita quattro giovani. Un film terribile, quello visto ieri a Caserta e Villa Literno, che si ripete e che conferma quanto emerge dalle statistiche: gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovanissimi. Per l’Oms sono la nona causa di morte nel mondo fra gli adulti, la prima fra i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni e la seconda per i ragazzi dai 10 ai 14 e dai 20 ai 24 anni.

Tutti sotto i 26 anni erano i ragazzi che ieri hanno perso la vita. L’incidente più grave a via delle Dune a Villa Literno, dove due auto si sono scontrate frontalmente. Le vittime sono una 20enne di Aversa, un 25enne di origine ucraina e un 23enne romeno. Il quarto passeggero, un 21enne di Giugliano in Campania, è rimasto ferito gravemente, così come la coppia che viaggiava sull’altra auto.

Caserta, due incidenti in poche ore: morti quattro giovani

Ancora da chiarire la causa ma, a quanto ricostruito da Il Mattino: “quattro giovani di ritorno probabilmente da qualche locale, a bordo di una 500 Abarth, hanno impattato frontalmente con una 500 X dove viaggiavano un uomo e una donna di 49 e 54 anni, residenti a Casapesenna; violentissimo l’urto, con i giovani rimasti incastrati tra le lamiere dell’auto”.

Ad avvisare i soccorsi alcuni automobilisti in transito. Nel giro di poche ore sono intervenuti i vigili del fuoco, purtoppo era già morti una volta estratti dalle lamiere. Insieme ai vigili del fuoco anche la Compagnia dei carabinieri die Casal di Principe che ha effettuato i rilievi.

Nell’altro incidente motrale, a Caserta, a perde la vita è stato un ventenne che pare abbia fatto tutto da solo con la sua auto mentre viaggiava sulla statale Appia. Per il ragazzo non c’era niente da fare: i soccorsi hanno trovato l’auto ribaltata e il conducente sbalzato fuori dall’abitacolo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.