“Morti alunni e insegnanti”. Incidente choc, il bus della gita precipita nel burrone

Un incidente mortale in autobus che ha ucciso undici ragazzi che tornavano da un viaggio di studio. L’autobus che trasportava 61 studenti della scuola superiore professionale, si è schiantato contro lo spartitraffico e si è ribaltato sabato su una strada collinare a circa 140 chilometri dalla scuola. Si pensa che l’autobus abbia subito un guasto ai freni, impedendogli di rallentare durante il viaggio.

Nove studenti e un insegnante sono rimasti uccisi nell’incidente, mentre 27 studenti sono rimasti gravemente feriti. È stato ucciso anche un passante. Nella sua indagine preliminare, il Ministero dei Trasporti ha scoperto che l’autobus non aveva superato i controlli di idoneità alla circolazione e che il suo permesso per il trasporto di passeggeri era scaduto il 6 dicembre dello scorso anno.

Incidente stradale, bus precipita nella scarpata: morti 11 studenti

Incidente stradale, bus precipita nella scarpata: morti 11 studenti

“[Non avere patente significa] che il veicolo non è stato sottoposto a un controllo periodico [di idoneità alla circolazione] ogni sei mesi, nonostante [il test] sia richiesto [per tutti gli autobus passeggeri] dalle normative esistenti”, ha detto domenica il direttore generale dei trasporti terrestri Hendro Sugiatno, come citato da Antara. L’incidente è avvenuto a Lingga Kencana (SMK) di Depok, una città di Giava occidentale alla periferia di Giacarta, in Indonesia.

Incidente stradale, bus precipita nella scarpata: morti 11 studenti

Lo schianto del bus e la conseguente morte di 11 persone ha portato gli esperti a chiedere al governo di imporre misure di sicurezza più severe per autobus e fornitori di trasporti per evitare incidenti simili in futuro. Hendro ha esortato i fornitori di trasporti in tutto il paese a completare il test ogni sei mesi, affermando che la negligenza che ha provocato un incidente mortale potrebbe comportare una sanzione per l’autista con una pena detentiva di sei anni e una multa di 12 milioni di rupie (746 dollari).

L’esperto di trasporti Djoko Setijowarno ha affermato che le autorità devono anche rafforzare la supervisione dei fornitori di trasporti e dei proprietari di autobus, affermando che gli incidenti mortali sugli autobus seguono uno schema comune che coinvolge vecchi autobus senza cinture di sicurezza per i passeggeri. “È tempo che i proprietari di autobus che gestiscono la loro attività senza formalità burocratiche siano assicurati alla giustizia perché fino ad ora gli autisti sono sempre stati i capri espiatori degli incidenti mortali”, ha detto in una dichiarazione domenica.

Ha inoltre esortato il governo a elaborare ulteriori norme di sicurezza, soprattutto perché la maggior parte degli autobus che forniscono tour non sono stati registrati nel database della Direzione generale dei trasporti terrestri, Spionam. Il Comitato nazionale per la sicurezza dei trasporti (KNKT) ha inviato una squadra per indagare sull’incidente a Subang.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.