“Convocato d’urgenza”. Amici 23, la produzione richiama Mida in saletta: cosa sta succedendo

Manca sempre meno alla finale di Amici 23 , sabato prossimo conosceremo il successore di Mattia Zenzola. Intanto Mida è stato convocato d’urgenza dalla produzione. Mida che, dopo essersi salvato sul filo di lana all’ultimo ballottaggio, è diventato uno dei favoriti numero uno per la finale. I fan del cantante credono nella sua vittoria. “Forza mida e meriti di vincere perché hai fatto un bel percorso e grazie che mi hai regalato tutte l’emozione e sapessi raccontare attraverso la musica è fantastico”.

E ancora: “Bravo Mida. Hai fatto un percorso bellissimo e raggiunto un traguardo importante. Non dubitare mai di te stesso. Ricordati sempre che chi ti critica non ti conosce. Sei un esempio per tutti i ragazzi che arrivano da zero. Tutti dovrebbero avere la possibilità di raggiungere i loro sogni. Tu lo fai con determinazione e coraggio -contro vento e marea! Avanti così! Complimenti”.

Amici 23, sorpresa per Mida: riabbraccia la mamma

Mida insieme a Holden quest’anno hanno avuto gli inediti migliori. Non saranno bravissimi a cantare, potranno stufare o annoiare ma a scrivere sono davvero bravi. I risultati parlano chiaro. Avranno sicuramente tanto successo fuori ne sono sicura”. Mida ce la metterà tutta, intanto ha ricevuto una sorpresa: convocato d’urgenza in saletta ha ricevuto un videomessaggio del padre.

Ti mando questo breve video per dimostrarti quanto io possa essere orgoglioso di te. Sei un ragazzo perbene ed educato. Sei un uomo meraviglioso. […] Sono veramente contento di tutto ciò che hai fatto, stai facendo e farai. Ti amo enormemente”, dice il genitore. Ma la sorpresa vera doveva ancora arrivare. Mida è stato convocato nello studio del Serale di Amici 23.

A quel punto il cantante ha ascoltato anche un messaggio da parte della mamma. Dopo la commozione iniziale Mida ha iniziato a cantare, ma proprio mentre si stava esibendo la madre si è presentata in studio ed è partito un lungo, bellissimo abbraccio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.