LA DATA DELLA FINE DEL MONDO RIVELATA DALL’INQUIETANTE PROFEZIA

Come non ricordare la vecchia profezia dei Maya sulla fine del mondo: in quel fatidico 21 dicembre del 2012 eravamo tutti in trepidante attesa che qualcosa accadesse sul serio. Negli anni immediatamente precedenti, per quella data si sprecarono fiumi di inchiostro e fu da spunto per la produzione di numerose pellicole cinematofrafiche.

A parte che a stimolare la fantasia artistica di molti e a riempire trasmissioni televisive su queste tematiche misteriose, alla fine ben poco successe. Secondo gli ultimi studi sul tema, pare che in quell’occasione si commise un grave errore di trascrizione, che avrebbe portato ad anticipare la data della fine del mondo di molti anni: ecco quando ci sarà davvero.

LA FINE DEL MONDO
I Maya sono un’antichissima popolazione del Mesoamerica sviluppatasi tra il 750 a.C. e il 500 a.C. in una zona dell’odierno sudest messicano. Si tratta di una civiltà molto affascinante, molto progredita dal punto di vista sociale e architettonico, associata infatti ai bellissimi templi megalitici a forma piramidale disseminati nella penisola dello Yucatan. Purtroppo questa antica civiltà scomparve definitivamente nel XVI secolo in seguito all‘invasione dell’impero spagnolo, che mirò a colonizzare con successo la regione mesoamericana.

Nei decenni scorsi si è molto parlato di questa antica civiltà soprattutto per via della loro suggestiva profezia sulla fine del mondo. Era stato riscoperto un loro antico calendario che aveva una data di inizio e, soprattutto, una data finale, interpretata appunto, in modo probabilmente troppo ardito, come la fine del mondo.

In realtà, nelle ultime ore ‘Il Messaggero’ ha lanciato un clamoroso scoop: in sostanza la vecchia data del 21 dicembre 2012 era sbagliata a causa di un clamoroso errore di trascrizione. Pare, infatti, che la data corretta sia quella del 21 dicembre 2022. Per il momento non resta che aspettare, tra appena 7 mesi scopriremo se questa correzione si rivelerà fondata.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.