Giancarlo Giannini, la tragica notizia in diretta Tv: morte del figlio per aneurisma

Tutti in Italia conoscono l’attore Giancarlo Giannini. Si tratta di uno degli attori nostrani più famosi in tutto il mondo, che ha recitato in pellicole internazionali di successo, come ad esempio nel film “Darkness”, di Jaume Balaguerò. Come ricorderanno gli appassionati di cinema, in questa pellicola Giannini interpretava il ruolo del nonno di Regina (Anna Paquin) il quale si rivela appunto una personalità dedita a far del male alla famiglia. 

L’horror “Darkness” è stato uno di quei film che ha consegnato Giannini alla storia, così come Casino Royale e Quantum of Solace. Nel 1977 c’è stata la sua candidatura al Premio Oscar come miglior attore per l’interpretazione nel film “Pasqualino Settebellezze”. Una personalità versatile Giancarlo Giannini, che nel corso della sua vita ha trascorso anche alcuni drammi che lo hanno segnato in particolar modo. Vediamo cosa gli è successo.

Il figlio morto per aneurisma

Come si sa anche i vip possono incorrere in lutti particolarmente gravi, così come accaduto allo stesso Giannini, che nel 1987 ha visto andare via sui figlio per sempre all’età di 19 anni. Il ragazzo venne colpito da un aneurisma cerebrale. Giannini ha raccontato questa terribile vicenda in una intervista nell’occasione dei suoi 80 anni di età.

“Vedere morire un figlio è una cosa terribile, che ti segna la vita per sempre, perché è una cicatrice che non guarirà mai”  – così ha raccontato l’attore visibilmente emozionato ai microfoni del Corriere della Sera. Quando il figlio morì Giannini stava girando un film a Milano con il collega Vittorio Gassman.

“Noi siamo degli uomini, siamo delle piccole cose, meravigliose però eh, meravigliose! Se tu riesci a stabilire dentro di te un mistero, il senso del mistero? Che cos’è il mistero? Una parola difficile… però non devi penetrarlo, perché non ce la farai mai” – questa la commovente dichiarazione che Giannini ha fatto durante la sua intervista. 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.