Bonus INPS, in arrivo 500€ per le casalinghe: tutte le informazioni utili

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) è sempre a sostegno dei cittadini. Per questo motivo, ci sono tanti piccoli incentivi e bonus che potrebbero aiutare i cittadini nel loro quotidiano. Tra le tante agevolazioni INPS, ci sono anche quelle per casalinghe e vedove. Per loro un Bonus di 500 euro. Andiamo a vedere insieme di cosa si tratta nello specifico e come fare per ottenerlo: ecco tutte le informazioni utili. (Continua a leggere dopo la foto)

Bonus INPS, in arrivo 500€ per le casalinghe: tutte le informazioni utili

L’INPS ha messo a disposizione un assegno social sia per le casalinghe che per le vedove. Questa è una misura assistenziale per cui, oltre la solita domanda, ci vuole il rispetto dei requisiti richiesti. Per l’anno in corso, l’importo preciso è di 468,10 euro. Tra i requisiti base per ottenerlo c’è il reddito. Il limite è di 6.085,30 annui oppure 12.170,60 se chi richiede l’assegno è coniugato. Va ricordato che si tratta di una misura assistenziale. Quindi, la richiesta deve soddisfare tutti i requisiti. Il pagamento, infine, avviene il primo giorno del mese successivo dopo aver fatto domanda. Questa si può fare sul portale dell’INPS, tramite contact center oppure nei patronati e intermediari di riferimento. (Continua a leggere dopo la foto)

Cos’è Istituto nazionale della previdenza sociale

L’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, presso cui debbono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi, che non abbiano una propria cassa previdenziale autonoma. L’INPS è sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Il primo sistema di garanzie pensionistiche è del 1895, del quarto governo Crispi. Tre anni dopo il primo governo Pelloux estese le coperture a una serie di categorie lavorative e fondò il primo istituto antenato dell’INPS. Infine nel 1919, con il governo liberale di Vittorio Emanuele Orlando, il sistema venne “imposto a tutte le aziende come obbligatorio” anche se divenne legge solo nel 1923.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.