Giovane mamma di 4 figli muore a 39 anni, forte mal di testa, poi le urla: «Chiamate un’ambulanza»

Loading...

Il forte mal di testa, poi le urla: «Chiamate un’ambulanza». Due settimane dopo Clare Machin, 39 anni e mamma di quattro figli, è morta in ospedale. La donna di Huyton, nel Merseyside in Gran Bretagna, era in vacanza con la famiglia quando all’improvviso ha avvertito forti dolori al cranio e dopo aver chiesto aiuto è svenuta a terra. La storia è raccontata dal DailyMail. 

Loading...

Il forte mal di testa, poi la corsa in ospedale

Clare Machin si stava godendo un fine settimana fuori nel nord del Galles con il suo compagno e suo figlio di 11 anni, Alfie, quando si è svegliata con un terribile mal di testa. La cugina di Clare, Jacquie Gaffney, 52 anni, ha detto: «Si era svegliata con un terribile dolore alla testa. 

Ha urlato: “Chiama un’ambulanza” prima di crollare in terra». La donna è stata portata al Glan Clwyd Hospital di Bodelwyddan e poi trasferita al Royal Stoke University Hospital dove ha subito due operazioni nel tentativo di salvarle la vita. 

I medici: un «evento catastrofico» nel suo cervello

I medici hanno detto alla famiglia che Clare aveva subito un «evento catastrofico» nel suo cervello chiamato emorragia subaracnoidea. Secondo il Sistema Sanitario Nazionale, un’emorragia subaracnoidea è un «tipo raro di ictus causato da un’emorragia sulla superficie del cervello». 

È una condizione molto grave e può essere fatale. I sintomi principali includono torcicollo, malessere, sensibilità alla luce, perdita di coscienza o convulsioni e «un forte mal di testa improvviso diverso da qualsiasi cosa tu abbia mai provato prima».

Nonostante i migliori sforzi dei medici per salvarla, Clare è morta il 29 ottobre, quasi due settimane dopo essere stata ricoverata in ospedale. Cosa ne pensate? Lasciateci il vostro commento sui social.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.