Uomo accoltella 5 persone a Rimini, tra loro anche una donna e un bambino colpito alla gola

5 persone accoltellate a Rimini, tra loro una donna e un bambino che sarebbe stato colpito alla gola: secondo una prima ricostruzione, ad agire sarebbe stato un uomo poi rintracciato e fermato dalle forze dell’ordine dopo una breve fuga. L’aggressione sarebbe avvenuta in 2 fasi, una a bordo di un autobus della linea 11, la seconda per le vie della città. Al momento resterebbero aperti tutti gli scenari: nessuna pista sarebbe ancora esclusa dall’alveo delle indagini sull’accaduto.

Accoltella 5 persone a Rimini, anche un bambino colpito alla gola

I fatti si sarebbero verificati in serata a Rimini, dove un uomo di origine somala, secondo quanto appena emerso e riferito dall’Ansa, sarebbe accusato di aver accoltellato 5 persone.

Tra i feriti ci sarebbe anche un bimbo, colpito alla gola. Dalle prime informazioni trapelate, il soggetto sarebbe stato individuato dalla polizia dopo una breve fuga e quindi arrestato. Al momento, non sono emerse notizie sulle condizioni delle persone colpite.

Accoltella 5 persone a Rimini: la dinamica dell’aggressione

L’aggressione, riferisce TgCom24, sarebbe maturata in 2 fasi e sarebbe avvenuta in serata a Rimini.

L’uomo avrebbe agito prima su un autobus della linea 11 a bordo del quale avrebbe reagito con violenza alla richiesta del biglietto da parte di 2 controllori. A quel punto, avrebbe estratto un coltello colpendoli per poi darsi alla fuga.

Per strada, la seconda fase dell’aggressione, ai danni di altre 3 persone che avrebbe incontrato lungo il percorso. Il bilancio sarebbe di 5 feriti, tra cui il minore colpito alla gola. Secondo quanto riportato da alcune fonti locali in questi minuti, il piccolo coinvolto avrebbe 5 anni.

Il fermo dell’uomo, riferisce ancora l’Ansa, è stato disposto questa sera dal pm Davide Ercolani, coordinatore delle indagini. Al momento, il movente dell’aggressione sarebbe ancora ignoto. Nessuna pista risulterebbe esclusa, e le prossime ore potranno chiarire gli aspetti ancora poco nitidi della vicenda.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.