Roma, l’ufficio parallelo che annullava le multe ai vip: spunta anche la principessa. Tutti i nomi coinvolti

Loading...

Si è risolto in un nulla di fatto lo scandalo ribattezzato “multopoli”, un’inchiesta su oltre 132mila multe cancellate in maniera sospetta a Roma. Ma procediamo con ordine. Tutto è partito dalla denuncia di una funzionaria, Emma Coli, che qualche tempo fa aveva raccontato come tra i corridoi del dipartimento risorse economiche del Campidoglio migliaia di sanzioni venissero catalogate illegalmente come “improcedibili”.

Loading...

Secondo i pm esisteva una sorta di “ufficio parallelo, cioè un canale alternativo illecito, per gestire i discarichi in via clientelare”. Negli atti dell’inchiesta viene chiamato in causa anche il presidente della Lazio: “La maggior parte dei beneficiari degli illeciti discarichi erano persone riconducibili ai gruppi imprenditoriali della famiglia Colaneri, in rapporti commerciali con il Pelusi, ed al signor Claudio Lotito”. Tra le multe annullate in maniera “sospetta” – come riporta Repubblica – comparivano anche quelle fatte alla principessa Caterina Torlonia, all’imprenditore Ciampini e anche a Riccardo Brugia, il pregiudicato a servizio di Massimo Carminati. Nomi noti, insomma, che avevano contribuito ad alimentare il clamore mediatico nato intorno alla faccenda.

Adesso però è arrivata l’assoluzione, perché le accuse mosse dai pm contabili non sarebbero supportate da elementi concreti. Il tribunale della Corte dei conti ha assolto Pasquale Pelusi e altri tre funzionari comunali indagati per aver fatto scomparire sanzioni per oltre 17 milioni di euro. E adesso sarà lo Stato a dover risarcire agli imputati circa 50 mila euro di spese sostenute durante il giudizio.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.