Coronvirus, l’inchiesta del Guardian sull’Italia: “Ha mentito all’Oms”, nel mirino Speranza. Il report alla procura di Bergamo

Loading...

Un’inchiesta del Guardian ha gettato ulteriori ombre su Roberto Speranza, già ampiamente criticato da una parte della politica e dell’opinione pubblica per essere stato riconfermato al ministero della Salute anche nel governo di Mario Draghi. Dal report pubblicato dalla testa britannica emerge che l’Italia potrebbe aver mentito all’Organizzazione mondiale della sanità sulla sua preparazione ad affrontare una pandemia. Il tutto sarebbe avvenuto a poco più di due settimane all’esplosione dell’emergenza sul suolo nazionale, dato che l’ultimo rapporto di autovalutazione compilato dall’Italia risaliva al 4 febbraio 2020.

Loading...

Nella sezione C8, che chiede di valutare la preparazione complessiva a rispondere a una pandemia, veniva segnalato il livello 5. Quest’ultimo è il più alto e significa che il “meccanismo di coordinamento della risposta alle emergenze del settore sanitario e il sistema di gestione degli incidenti collegato a un centro operativo nazionale di emergenza sono stati testati e aggiornati regolarmente”. Invece niente di tutto ciò era valido per l’Italia, che non aggiornava il suo piano pandemico dal 2006, contravvenendo alle linee guida dell’Oms secondo cui andava fatto sia nel 2013 che nel 2018. 

Di conseguenza l’Italia avrebbe mentito nell’autovalutazione di febbraio 2020, e ciò potrebbe aver causato almeno 10mila morti in più durante la prima ondata: non a caso questo è un elemento chiave nell’inchiesta della Procura di Bergamo sui presunti errori da parte delle autorità. Il documento di autovalutazione è stato consegnato come “ulteriore prova”: l’avvocato che rappresenta le famiglie delle vittime di Covid ha annunciato che scriverà a Mario Draghi per chiedere una legge sull’indennizzo per i parenti. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.