Paola Taverna subissata di fischi sul web. “Parli come Casini, ma non ti vergogni?”

Loading...

A scatenarli è stato un tweet, apparso provocatorio, in cui Paola Taverna si schierava a fianco di Giuseppe Conte. Eccolo: “È un momento difficile e per questo non possiamo arrenderci proprio adesso. I cittadini hanno bisogno della politica, quella vera, quella seria. Noi siamo al suo fianco Presidente Giuseppe Conte, ora più che mai!”.

Paola Taverna ricoperta di critiche: andatevene!

La politica vera, quella seria. La frase non è apparsa credibile, in bocca alla senatrice grillina che sempre si è distinta per un linguaggio verace e barricadero. Abbandonato dopo la promozione alla vicepresidenza del Senato. Ora quel volto movimentista si è trasformato: il M5S appare disposto a tutto pur di mantenersi a galla, pur di non abbandonare Palazzo Chigi. Ma chiamare tutto ciò politica vera, definire il suk “politica seria” è stato troppo.

Repliche a valanga al tweet sulla politica “seria” di Paola Taverna

Le repliche sono arrivate a valanga. Inutile cancellarle. Perché tutte dicono la stessa cosa: “Andatevene”. A quel punto meglio tenerli lì, quei commenti di fuoco.

Loading...

Un coro di “Uscite dal palazzo e addio”

“Ecco… Ora uno affianco all’altro uscite insieme dai palazzi e tornatevene a casa a fare quello che facevate prima di entrare in politica. Non sentiremo la vostra mancanza. Saluti”. “Infatti i cittadini hanno bisogno della politica seria, non di Voi: avete tradito l’elettorato e non avete neppure dimostrato capacità particolari. Ci avete provato, avete fallito. Inutile accanirsi. Addio”. “Su questo ha ragione, abbiamo bisogno della politica. Quella vera, però. Fatta da persone in gamba e soprattutto competenti. Per questo, prima ve ne andate meglio è”. “Ecco levatevi dalle poltrone perché ha ragione lei, gli italiani hanno bisogno della politica vera e seria non di un gruppo di scappati di casa che pensano solo a tenersi le poltrone”.

Un boomerang comunicativo

Inutile continuare a riportarli. Il messaggio è chiaro. E sono quasi duemila risposte. Un boomerang comunicativo di notevole portata. Fino all’impietoso: “Sembra di sentir parlare Casini…”. Che è la sintesi di una trasformazione. Di un cambio di passo. Di una rivoluzione antropologica. Che gli elettori Cinquestelle non hanno di certo apprezzato.https://platform.twitter.com/embed/index.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-0&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1353803499142840320&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.secoloditalia.it%2F2021%2F01%2Fpaola-taverna-subissata-di-fischi-sul-web-parli-come-casini-ma-non-ti-vergogni%2F&theme=light&widgetsVersion=ed20a2b%3A1601588405575&width=550px

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.