Bruno Vespa, il precedente di Giorgio Napolitano: “Ricordate cosa fece con Berlusconi?”, timori per Conte

Loading...

Giuseppe Conte ha scelto la via della conta in Aula per provare a rimanere aggrappato a Palazzo Chigi. Lo ha fatto però senza essere sicuro di avere i numeri al Senato, dove senza il gruppo di Italia Viva sono necessari i “responsabili”, o i “costruttori” all’occorrenza, per raggiungere la maggioranza assoluta di 161 voti. Al premier potrebbe però bastare la maggioranza relativa, a patto che poi venga ritenuta sufficiente dal presidente Sergio Mattarella, che in teoria non dovrebbe accettare un governo ancora più debole di quello precedente, basato su una mera compravendita parlamentare. 

Loading...

E quindi cosa potrebbe succedere se Conte non dovesse raggiungere la maggioranza assoluta? Bruno Vespa ha risposto a questa domanda evocando il precedente di Silvio Berlusconi: “L’8 novembre 20111, sul rendiconto generale dello Stato, il governo ebbe 308 voti (e non 316) e fu mandato a casa da Giorgio Napolitano”. Tutto quindi ruoterebbe attorno al capo dello Stato, con il centrodestra che spera che Mattarella – a differenza del suo predecessore – faccia la cosa giusta nel caso in cui dovesse verificarsi tale scenario. Non è infatti immaginabile una gestione appropriata della pandemia, della crisi economica e della campagna di vaccinazione in atto con un governo basato su numeri ancora più deboli e raffazzonati. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.