Ubriaco, sfreccia a 100 all’ora contromano in A4 durante il coprifuoco: “Non mi ero accorto”

Loading...

A 100 all’ora contromano in autostrada durante il coprifuoco: “Non me ne sono accorto”

Ha guidato contromano per una trentina di chilometri, al volante di un furgone che sfrecciava a circa cento chilometri orari in direzione opposta rispetto alle auto, per fortuna poche grazie al “coprifuoco”. Una pazzia, una follia, che avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche. A evitare il peggio sono stati gli agenti della polizia stradale di Bergamo e Seriate che l’altra notte sono intervenuti lungo l’A4 per fermare un 48enne di origine polacca e il suo furgone Renault intestato all’azienda per cui lavora.

Loading...

Secondo quanto ricostruito, il 48enne, mentre viaggiava in direzione Milano da Bergamo, si sarebbe fermato all’area di servizio Brianza, appena prima dell’uscita di Agrate, per una sosta. Poi al momento di rimettersi in marcia sarebbe tornato in strada imboccando la stessa corsia che aveva usato per accedere all’autogrill dirigendosi nuovamente verso il capoluogo bergamasco.

Il furgone – contromano – ha così proseguito la marcia fino a Bergamo dove è stato intercettato e fermato dalle pattuglie della Stradale. L’uomo, in un inglese incerto, ha riferito agli agenti di non essersi accorto di quanto successo ed è stato sottoposto all’alcoltest. In corpo il 48enne aveva un tasso alcolemico pari a oltre 2 g/l, quattro volte il limite consentito. Per il conducente è scattata quindi una denuncia per guida in stato di ebbrezza e il fermo del veicolo per tre mesi. Pesanti anche le sanzioni: oltre alla multa di 533 euro per aver violato la normativa anti-covid relativa al coprifuoco ora l’automobilista potrebbe dover pagare fino a 8mila euro per la guida contromano. 

Durante la folle corsa contromano in autostrada fortunatamente nessuno si è fatto male e non si sono verificati incidente anche grazie al ridotto volume di traffico per effetto della normativa di limitazione degli spostamenti notturni.“

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.