Un sondaggio gela Bruxelles: il 50% degli italiani vuole l’Italexit

Loading...

La poca solidarietà mostrata dall’Unione europea all’Italia in piena emergenza Covid-19 ha fatto crescere il numero di italiani favorevoli all’Italexit.

Secondo un sondaggio realizzato da Tecnè Poll, l’insoddisfazione del Belpaese nei confronti di Bruxelles è cresciuta a dismisura. Di fronte a un’ipotetica scelta tra “remain” e “leave”, cioè restare all’interno dell’Ue oppure uscire proprio come ha fatto il Regno Unito, scopriamo come il 49% degli italiani voterebbe quest’ultima opzione.

Cresce l’insoddisfazione

I favorevoli al “remain” si aggirerebbero intorno al 51%. Una maggioranza davvero risicata, di appena due punti percentuale sulla fazione opposta. Il dato che però deve far riflettere è un altro. Rispetto all’ultima rilevazione del novembre 2018 i contrari all’uscita sono scesi di ben 20 punti percentuali. Insomma, di fronte a un eventuale referendum sulla permanenza dell’Italia nell’Ue l’elettorato è sempre più spaccato.

Loading...

La rimonta dei fautori del “leave” ha tuttavia cause ben precise. Il trattamento che certi Stati europei stanno riservando a Roma non è certo passato in secondo piano. Basti pensare al doppio gioco che sta portando avanti la Germania, alla durezza dell’Olanda e, più in generale, alle scelte economiche portate avanti dal cosiddetto fronte rigorista.

Oggetto della contesa tra il citato fronte rigorista e quello anti rigorista, di cui fa parte anche l’Italia, è il modus operandi per gestire la crisi economica provocata dalla pandemia di nuovo coronavirus. Il nostro Paese spingeva (e pare che continuerà a farlo) per gli Eurobond mentre Berlino e l’Aia non intendono minimamente mutualizzare il loro debito. La loro controproposta si ferma al Meccanismo europeo di stabilità (Mes), da utilizzare in formato light solo per coprire le spese mediche. Il braccio di ferro continua ma cresce l’insoddisfazione degli italiani.

Le radici dell’isnofferenza

L’insofferenza di una buona parte di italiani nei confronti di Bruxelles non è certo una novità. Da anni l’Italia è trattata con sufficienza dall’Ue ma oggi, in questi giorni complicatissimi, dove sarebbe auspicabile una cooperazione tra i Paesi membri, molti si aspettavano un cambio di rotta. Così non è stato, e probabilmente così non sarà.

In un clima tesissimo Angela Merkel e Mark Rutte, rispettivamente leader di Germania e Paesi Bassi, hanno fatto capire che prima della solidarietà europea ci sono gli interessi nazionali. Morale della favola: l’Italia, e con lei tutto il fronte anti rigorista, deve rassegnarsi. Agli italiani un ambiente del genere inizia a stare strettissimo. Ecco perché l’insoddisfazione contro Bruxelles sale giorno dopo giorno.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.