Coronavirus, a Parma se non ti dichiari antifascista il Comune ti nega i buoni spesa

Loading...

Roma, 3 apr – Fino a che punto può spingersi la mannaia ideologica dell’ottuso antifascismo? Difficile dirlo, a riguardo ormai non riusciamo a stupirci più di nulla. Ma la pensata del Comune di Parma supera anche le più nefaste previsioni, perché forse neppure le menti visionarie della letteratura distopica sarebbero riuscite a prefigurarci una discriminazione ideologica in piena pandemia. E invece la giunta guidata dall’ex grillino Pizzarotti ci è riuscita, partorendo una discriminazione tanto inaccettabile quanto puramente delirante. Prova ne è che un cittadino italiano in difficoltà economica e residente a Parma, è costretto a dichiararsi antifascista se intende far domanda per ottenere i buoni spesa previsti dal governo ed erogati dal Comune in via emergenziale per venire incontro a chi adesso non riesce ad acquistare neppure generi alimentari.

Loading...

Sì, avete capito bene, e se siete residenti nel comune emiliano potete tranquillamente fare una prova. Vi basterà andare sul sito del comune a questo indirizzo e iniziare a compilare l’apposito modulo per i buoni spesa. Come segnala sulla propria pagina Facebook Emanuele Bacchieri, di CasaPound Parma, “in pochi semplici passaggi si arriva alla pagina finale, dove sono riportate le condizioni a cui l’erogazione dei buoni è vincolata. E….Sorpresa! IL BOLLINO ANTIFASCISTA È ANCHE QUI! Quindi chi non si allinea al pensiero unico per il sindaco Pizzarotti può tranquillamente morire di fame? ALLUCINANTE!”.

Il modulo per ottenere i buoni spesa

Ma leggiamo bene cosa dovrebbe dichiarare ad esempio, secondo il Comune di Parma, una persona in difficoltà che ha bisogno di un buono spesa: “Di ripudiare il fascismo”, “di non professare e fare propaganda di ideologie xenofobe, razziste, sessiste” e “di non compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l’utilizzo di simbologie o gestualità ad essi chiaramente riferiti”.

Incredibile, ma purtroppo vero. Come fa notare CasaPound Italia, sulla propria pagina Facebook, è un po’ come dire: “Se non ti dichiari antifascista, non mangi”. Cpi chiede di conseguenza le “dimissioni di Sindaco e Giunta” che “dopo questa assurda trovata dovrebbero a questo punto essere il minimo”. Il minimo davvero, perché servirebbero al contempo pronte scuse a tutti coloro che in un momento di drammatica difficoltà economica si sono trovati davanti anche questa indegna “selezione antifascista”.

Alessandro Della Guglia

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.