La Cina ha (quasi) vinto la battaglia contro il coronavirus

Loading...

Mentre l’Italia e l’Europa intera stanno ancora cercando di capire quali misure attuare per contrastare l’avanzata del nuovo coronavirus, la Cina si è quasi svegliata dall’incubo. Un incubo durato oltre due mesi e che ha fin qui provocato quasi 90mila contagi e più di 3mila morti.

Wuhan, megalopoli di 11 milioni di abitanti nonché epicentro dell’epidemia del Covid-19, è stata messa in quarantena lo scorso 23 gennaio assieme alla provincia dell’Hubei. E così, con uno schiocco di dita, dall’oggi al domani, un’area di 60 milioni di persone è stata isolata dal resto del Paese. L’obiettivo era nobile: evitare che i contagi del virus potessero continuare a propagarsi nel resto della Cina. In sostanza è stato questo il più grande “sacrificio” di Pechino alla causa della lotta al coronavirus.

Oggi, dopo oltre 30 giorni di buio, a Wuhan i cittadini iniziano a rivedere la luce. Come sottolinea il quotidiano Repubblica, l’11 marzo le autorità potrebbero alleggerire la quarantena, tanto sulla provincia quanto sulla singola città. Le misure alle quali sono stati sottoposti milioni di abitanti sono state a dir poco rigorose: fin qui nessuno può entrare o uscire dalla maxi zona rossa mentre 50 milioni di abitanti non possono neppure uscire dalle loro abitazioni, se non per poche ore.

Una battaglia quasi vinta

L’epidemia sembrerebbe aver superato il suo picco massimo. Adesso i casi rilevati giornalmente dalle autorità sono sempre meno, anche a Wuhan. L’ultimo bollettino parla di 126 casi, tutti nel capoluogo dell’Hubei. Nessuno in provincia e nessuno nelle altre provincie.

Loading...

L’opinione pubblica è sempre più consapevole che la Cina sta vincendo la “guerra del popolo” contro il coronavirus. Xi Jinping lo ricorda incessantemente tanto ai suoi concittadini quanto al resto del mondo, il quale deve invece ancora prepararsi al peggio. Quel peggio che il Dragone ha superato rimboccandosi le maniche e testando tutta l’organizzazione del proprio sistemo politico.

Vero: all’inizio dell’epidemia, quando le autorità avrebbero potuto bloccare il disastro, la Cina ha commesso degli errori. Ma adesso quegli errori, agli occhi del popolo cinese, sono soltanto un ricordo sbiadito. Ciò che conta è ricominciare a vivere, a lavorare, ad andare a scuola. In un clima di velato ottimismo la maggior parte delle province ha abbassato il livello di allarme mentre molte aziende hanno ricominciato a produrre. In alcuni territori le scuole hanno addirittura ripreso le attività didattiche.

La luce in fondo al tunnel

Per il momento possiamo dire che la Cina ha sconfitto il coronavirus in tutto il Paese tranne nel focolaio principale: Wuhan e l’Hubei. Non mancano segnali positivi, come la chiusura dei due ospedali temporanei costruiti in una decina di giorni, in fretta e furia, per dare aria agli altri nosocomi locali, saturi e pieni di pazienti malati. Restano tuttavia migliaia e migliaia di persone ancora malate, di cui 5mila in gravi condizioni.

Xi Jinping non intende abbassare la guardia proprio ora che si trova a un passo dalla vittoria finale. Stando alla previsione degli esperti alla fine del mese si dovrebbe arrivare alla condizione di “zero contagi” giornalieri. In quel caso le autorità potrebbero togliere gradualmente i blocchi stradali e riaprire aeroporti e stazioni. Nessuno, tuttavia, ha intenzione di rischiare nuovi contagi, soprattutto dopo i costosissimi sacrifici fin qui fatti.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.