Beffa per l’Italia: si rischia di dover accogliere anche chi sbarca in altri paesi

Loading...

Da Roma, nonostante tutte le indicazioni da giorni vadano nel segno opposto, alla vigila del vertice di Lussemburgo si professa “cautela” ed un po’ di ottimismo: un modo, in realtà, per nascondere il totale fallimento della strategia messa in atto dal Conte II sui migranti.

Quando il presidente del consiglio a Palazzo Chigi eredita da sé stesso la campanella, sa bene che da lì a breve deve dare luogo a qualche iniziativa politica per far digerire il previsto e prevedibile aumento degli sbarchi. Ecco quindi che salta fuori l’idea della redistribuzione in Europa, con Berlino e Parigi che offrono una sponda politica al “figliol prodigo” Conte.

Il resto è tutta storia già raccontata in queste prime settimane di governo giallorosso. La Germania si mostra improvvisamente solidale con l’Italia, l’esecutivo di Angela Merkel si fa promotore del vertice di Malta da attuare con i due Stati che ricevono gli sbarchi dalla rotta del Mediterraneo centrale, ossia l’Italia per l’appunto e Malta. A La Valletta l’incontro è a cinque: oltre ai ministri dell’interno dei governi di Roma e La Valletta, vi è quello tedesco, francese e finlandese, con Helsinki invitata in quanto presidente di turno dell’Ue.

Il solo annuncio della conferenza maltese, fa esultare Conte che parla di clima positivo nella speranza di mandare in secondo piano l’aumento del numero degli approdi. Ma poi tutto si risolve senza reali e concreti documenti da analizzare: a Malta si trova un’intesa su cinque punti da presentare in Lussemburgo l’8 ottobre, giorno del consiglio dei ministri dell’interno dell’Ue.

E nel granducato quando la bozza arriva sul tavolo degli altri titolari degli interi europei, il nostro paese viene snobbato e, nella migliore delle ipotesi, le ragioni mosse dal governo giallorosso vengono considerate superflue. In particolare, i malumori vengono agitati sul meccanismo della redistribuzione, cavallo di battaglia di Giuseppe Conte.

Loading...

C’è chi lo vede come uno strumento inopportuno, chi come una mossa volta solo ad accontentare l’Italia. Peraltro, la redistribuzione discussa a La Valletta appare già di gran lunga ridimensionata rispetto ai progetti iniziali visto che, nella bozza discussa nella capitale maltese, si fa riferimento al ricollocamento solo dei migranti che arrivano tramite navi delle Ong o militari. In cifre, la redistribuzione riguarderebbe solo il 20% dei migranti arrivati in Italia nel 2019.

Quando poi è lo stesso ministro degli interni tedesco Seehofer a mettere in discussione il meccanismo di Malta, ben si capisce come l’impalcatura su cui si regge la fragile impostazione politica giallorossa oramai è prossima al collasso.

Ma, andando a vedere la dinamica del vertice di Lussemburgo di ieri, ci si accorge che non sono soltanto i paesi dell’est o del nord Europa, tradizionalmente contrari alla redistribuzione, a bocciare la proposta giunta sul tavolo del consiglio. Ad esempio, Spagna Grecia avanzano delle perplessità: loro nel 2019 accolgono quasi il doppio dei migranti giunti in Italia, sia da Madrid che da Atene dunque viene chiesto che, se si parla di redistribuzione, allora essa deve riguardare anche gli sbarchi delle rotte orientali ed occidentali del Mediterraneo.

Tradotto dal politichese, Italia e Malta devono prendersi una parte della quota di migranti che arrivano nella penisola ellenica ed in quella iberica. Un vero e proprio boomerang per Roma: non solo, alla fine della giornata di ieri, sono solo quattro paesi aderire al meccanismo di La Valletta, ma qualora le perplessità di Grecia e Spagna venissero accolte, allora l’Italia dovrebbe accollarsi anche altri migranti di altri paesi.

A questo punto, il governo giallorosso deve tifare per il totale fallimento della sua iniziativa politica: meglio perdere che straperdere, è il ragionamento che inizia ad insinuarsi a Palazzo Chigi, meglio continuare ad accollarsi solo i migranti che arrivano nel nostro paese piuttosto che ospitare anche quelli che approdano in Spagna ed in Grecia. È questa dunque la cronaca di un fiasco annunciato, una sconfitta maturata tanto tra i palazzi romani quanto tra quelli europei.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.