Il regalo dei lavoratori della Bekaert vittime del Jobs Act a Luigi Di Maio

Loading...

“Ieri a W L’Italia ho voluto mostrare il regalo che mi hanno fatto i lavoratori della Bekaert. È stata una grande emozione.”

Lo ha scritto il ministro dello sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali, Luigi Di Maio, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

“Da Ministro del Lavoro vi prometto che cercheremo di lavorare ogni giorno per fare del bene a questo Paese. Non ci fermiamo!” ha assicurato.

Nel video pubblicato nel post, Di Maio, ospite a ‘W L’italia’, ha affermato: “Oggi sono venuto a ritirare un premio che mi hanno voluto dare i lavoratori come ministro del lavoro: ‘Grazie Luigi Di Maio uno di noi. 318 grazie’. Per me è stato commovente, ma come ho detto abbiamo vinto solo il primo tempo.”

“Questi lavoratori – ha proseguito il ministro – erano vittime del jobs act perché era stata abolita la cassa di integrazione per cessazione, una multinazionale ha deciso di andarsene via in Polonia e in Romania, di portare tutti gli stabilimenti lì e di lasciare 300 famiglie in mezzo alla strada.”

Loading...

“Non avevano più lo strumento che serve a garantire un reddito alle famiglie mentre si trova un nuovo proprietario per riaprire lo stabilimento e far lavorare di nuovo le persone” ha spiegato.

“Ho cambiato la legge a settembre – ha sottolineato il leader pentastellato – con il decreto urgenze, ho detto loro che sarebbe stato un mio impegno e sarei tornato quando avrebbero avuto la cassa integrazione per cessazione. Sono tornato, lo stabilimento va avanti e adesso rilanciamo l’impianto con la reindustrializzazione.

“È la mia prima vertenza da ministro del lavoro che stiamo quasi portando a casa, l’emozione è stata molto forte, i lavoratori mi hanno stretto la mano erano molto contenti. Viviamo di queste soddisfazioni, sono i risultati politici di chi crede di poter fare un po’ di meglio per l’Italia” ha concluso.

Guarda il video:

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.