Ecco come i Musulmani vogliono comandare in Italia. Ecco perché giustificano anche gli Stupri!

Loading...

Spesso anche qui in Italia sentiamo casi di violenza sessuale di stampo islamico.
E le motivazioni forse non sono nemmeno da cercare poi così tanto lontano.

Le donne e i bambini sarebbero da considerare come bottini di guerra.
Come tali potrebbero essere quindi anche usati come oggetti di piacere ed essere, per esempio, stuprati.

Non è una pazzia, ma la verità, e a dirlo non sono solo quattro fanatici integralsti, ma anche importanti istituzioni.

Infatti su Libero Quotidiano leggiamo che:

La denuncia parte dall’interno dello stesso mondo islamico: vi sono istituzioni, imam, e perfino università come Al Azhar, il più autorevole centro culturale musulmano, in cui si insegna come elementi del diritto islamico che donne, bambine e bambini non musulmani sono «bottino di guerra», usabili come oggetti di piacere e come merce di scambio.

Loading...

Il coraggio non manca a Hocine Drouiche, vice-presidente della Conferenza degli imam di Francia e imam della comunità di Nimes, che pubblica – in traduzione italiana su Asianews.it – uno studio approfondito sulla diffusione della dottrina del jihad.

Sono accuse tutt’altro che generiche, ma corredate di nomi e circostanze: «Suad Salih è un viso femminile molto conosciuto all’università teologica della grande moschea di Al Azhar in Egitto e nel mondo musulmano. Ha dichiarato che i musulmani hanno il diritto di possedere le mogli del nemico per il proprio piacere durante la guerra perché ciò è lecito ed autorizzato dall’islam!». La condanna di Drouiche è senza appello: «Anche se è autorizzato e coperto dalla religione o dalla sharia, tutto ciò non si può definire che con il termine chiaro di “stupro raccomandato e lecito”».

Ecco alcuni esempi di Islam che spesso “integriamo” anche in Italia.

Che ne pensate?
Diteci la vostra! Grazie.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.